Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Martellago “Area verde a rischio cemento”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

28

lug

2013

Allarme dei “5 Stelle”

MARTELLAGO – «Cosa “bolle in pentola” per l’area verde di Maerne tra via Roviego e la Sp 36, vicino al Marzenego, che nel Pat rientra tra i “contesti per realizzare programmi complessi”?».
Il Movimento 5 Stelle chiede chiarezza sul futuro di questo sito su cui, come ha rivelato il grillino Andrea Marchiori, dei privati hanno presentato in Comune ancora nel 2012 uno studio di fattibilità, che avrebbe girato in vari uffici oltre che sui tavoli degli amministratori, per realizzarvi un villaggio destinato alla promozione e sviluppo di prodotti tipici agroalimentari e attività collegate, commerciali e ricettive.
Un progetto impattante, per il M5S, che prevedrebbe la cementificazione di 30mila metri quadri di verde. «Nel Pat è prevista la trasformazione di questa zona ed è giunta una proposta generale, come ne sono arrivate altre per altri ambiti – chiarisce il sindaco Monica Barbiero -. Tutte le proposte saranno valutate da quest’amministrazione in tempi e modi adeguati per un eventuale inserimento nel Piano interventi, sempre sulla base delle linee del nostro programma che prevede la tutela dell’ambiente, ma guarda anche alla città che si trasforma per rispondere alle nuove sfide. Fermo restando che ciò non significa che il progetto presentato sia l’obiettivo che ci poniamo per quest’area». Una risposta che, per Marchiori, è insufficiente a dare garanzie sull’argomento.

Nicola De Rossi

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui