Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Serena: «Le attività rimaste possono trasferirsi a Castrette» 

VILLORBA. Il rischio è che ci si trovi chissà per quanto tempo con l’ennesima cattedrale nel deserto. Un parco commerciale abbandonato, in mezzo a decine di capannoni da tempo lasciati dalle aziende che li riempivano. La sfida che ora in municipio a Villorba si stanno ponendo è come rilanciare la zona commerciale, dopo l’addio di Panorama e quello, che pare quasi certo, di Grancasa (con 50 dipendenti a rischio). «La partita si gioca nella riconversione dei volumi», spiega Serena, «nell’area vicina a Benetton, dalla Postumia fino alla cartiera Marsoni, ci sono 400 mila metri quadrati liberi, a cavallo tra Spresiano e Villorba. Lì si potrebbero spostare le aziende che ancora resistono nella zona industriale, che ormai è morta». Il progetto del sindaco nasce anche da aspetti logistici. L’area vicina a Benetton entro 5 anni sarà collegata alla Pontebbana, è coperta per gran parte dalla fibra ottica, esiste già uno stabilimento da riqualificare (quello della Maber). Si tratterebbe però di un’altra zona industriale. «Ma l’altra verrebbe convertita a verde», dice Serena, «è chiaro che per farlo serve un aiuto. Ma se le aziende avessero agevolazioni fiscali adeguate in cambio della demolizione del vecchio e del trasferimento? Nel nostro Comune l’evasione Imu quest’anno sta toccando il 40%, lo scorso anno era ferma al 6. E bisognerebbe agevolare l’accesso ai capitali privati. Così avremmo tutta la vecchia area industriale, ad eccezione di chi si affaccia sulla Pontebbana, convertita a verde, e una nuova, moderna». Quel che per il momento è sotto gli occhi di tutti è il fallimento di un’area commerciale nata pochi anni fa.

Federico Cipolla

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui