Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

«Accogliamo con favore la prima decisione della Commissione Giustizia sulla proroga della nuova geografia giudiziaria. Ora sollecitiamo l’aula parlamentare a portare fino in fondo il provvedimento». A sostenerlo è Michele Zatta, presidente dell’associazione avvocati della Riviera del Brenta e Miranese, commentando la notizia, apparsa ieri, della possibile proroga del taglio delle sezioni distaccate di tribunale. Tale provvedimento interessa tutta la Riviera del Brenta, perché il decreto del Governo Monti prevedeva l’accorpamento della sezione distaccata Tribunale di Dolo a Venezia già a partire dal 13 settembre prossimo.

«Come avvocati del territorio – dice Zatta – ci siamo spesi alacremente per far comprendere al Ministero l’importanza di mantenere in loco il servizio, non fosse altro per la speciale situazione che ci riguarda. Venezia, infatti, è un’isola raggiungibile per tutti con grosse difficoltà logistiche. Tagliare il tribunale di Dolo significa costringere ad onerosi e lunghi viaggi non solo gli avvocati, ma anche tutti i testimoni, gli amministratori di sostegno, i cittadini che, ad esempio, accettano o rinunciano all’eredità, i consulenti tecnici e tutti quelli che sono a vario titolo, per esecuzioni o altro, tenuti a recarsi in tribunale».

Accorpare Dolo, San Donà di Piave, Portogruaro e Chioggia alla già congestionata sede di Rialto a Venezia non potrà che significare la paralisi almeno temporanea della giustizia. Questo almeno stando alle diverse testimonianze di alcuni avvocati rivieraschi. Infine, sempre secondo alcuni studi fatti dalla Camera degli Avvocati, proprio le sedi distaccate sono quelle che detengono il record di velocità nella definizione dei procedimenti.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui