Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

FIESSO – Il Servizio prevenzioni incidenti e per la sicurezza sul lavoro (Spisal) dell’Asl 13 ha sospeso i lavori per la costruzione della pista ciclabile e la posa della condotta idrica lungo la provinciale Sp 12. Questo è l’esito del sopralluogo svolto ieri mattina da parte del personale del Servizio che ha ravvisato, come confermato dalla direzione dell’Asl 13, che nel cantiere di via Piove non erano state adottate tutte le misure di sicurezza previste nel caso del taglio degli alberi. In questi giorni infatti era in corso l’abbattimento dei 31 tigli che costeggiano il lato destro della strada cui doveva seguire la costruzione della pista ciclabile. Lo Spisal fa sapere che i lavori potranno ripartire non appena saranno adottate le misure di sicurezza.

I lavori per la costruzione della pista ciclabile e la posa della condotta idrica sono contestati da alcuni residenti e dal comitato fiessese “Salviamo l’ambiente in cui viviamo” che in questi giorni si sono mobilitati distribuendo un volantino, preparando un video di protesta e scrivendo due lettere alla presidente della Provincia di Venezia, Francesca Zaccariotto e alla sindaco Andrea Martellato chiedendo di fermare i lavori.

(g.pir.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui