Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

SCORZÈ – Dopo poco più di due mesi da quel giovedi 16 maggio, quando Scorzè fu allagata, il governo riconosce lo stato di calamità e partono quindi le procedure straordinarie previste in questi casi. Venerdi scorso il Consiglio dei ministri ha deliberato l’esistenza dei presupposti per il riconoscimento dello stato di calamità naturale e tempo qualche giorno il provvedimento andrà in Gazzetta ufficiale, data dalla quale potranno partire i tempi tecnici per presentare le domande di risarcimento.
Gli uffici comunali sono pronti a ricevere le domande ma prima di andare in municipio il sindaco Giovanni Battista Mestriner informerà i suoi concittadini sui tempi e le modalità da seguire per il corretto inoltro della richiesta di risarcimento dei danni. «Allo stato attuale non sappiamo quanti soldi arriveranno a Scorzè – tiene a precisare il sindaco – anche se entro pochi giorni dovremmo sapere tutti i dettagli del provvedimento». Mestriner sottolinea come siano già state alcune decine i cittadini proprietari di abitazioni e alcune aziende a presentare una prima lista dei danni subiti, solo l’amministrazione comunale vanta danni per 200 mila euro. «Prima di accedere agli uffici comunali-conclude il sindaco Mestriner- analizzeremo attentamente le disposizioni e poi informeremo adeguatamente i cittadini su come fare richiesta».

Luigi Bortolato

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui