Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MIRANO – Mirano dice addio alle vecchie stoviglie usa e getta. A settembre, nelle principali scuole primarie del Comune (“Petrarca”, “Dante Alighieri” e “Azzolini”), partirà il progetto anti-spreco per il lavaggio di piatti e posate. Ad oggi, infatti, nelle mense scolastiche, viene utilizzata ogni giorno un’enorme quantità di stoviglie di plastica monouso. Questa pratica ha un forte impatto ambientale, in quanto comporta la produzione di rifiuto non riciclabile.
Il progetto partirà a settembre, con l’avvio del nuovo anno scolastico. Al posto dei tradizionali piatti, bicchieri e posate usa e getta, verranno acquistate forniture in apposito materiale plastico lavabile e riutilizzabile. L’attività di lavaggio avrà luogo negli edifici “Azzolini” e “Petrarca”, già dotati degli spazi necessari per le lavastoviglie. Ogni giorno, nelle tre scuole, vengono mediamente serviti circa 500 pasti: verranno, quindi, inizialmente acquistati 600 kit composti da piatto fondo e liscio, forchetta, coltello, cucchiaio e bicchiere.
In questo progetto l’Amministrazione sarà coadiuvata da Se.Ri.Mi., la società partecipata che gestisce il servizio mensa nelle scuole di Mira e Mirano, e dall’associazione “Bambini di Chernobyl Onlus”. La prima fornirà i servizi necessari all’acquisto delle stoviglie e dei prodotti per il lavaggio, nonché per la manutenzione e il trasporto degli stessi; la seconda metterà a disposizione le persone che svolgeranno l’attività di lavaggio. Un ruolo significativo è stato ricoperto anche dai genitori e dai loro rappresentanti nel consiglio del Primo Circolo, che fin dall’inizio hanno sollecitato e sostenuto l’iniziativa.
«Sono molto soddisfatta per quest’iniziativa, che tocca un tema a me molto caro, quello della sostenibilità ambientale, per il quale sono impegnata in prima persona, anche con un apposito referato» ha dichiarato il sindaco Maria Rosa Pavanello. (D.Cor.)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui