Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – “Fermate la gara per la Treviso Mare”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

9

ago

2013

ATTENDERE L’INCHIESTA – Baita e Minutillo tra i dirigenti

PIGOZZO (PD) ALLA REGIONE

Sospendere la gara d’appalto per la costruzione e gestione della superstrada a pedaggio «Via del mare». Lo chiede il consigliere regionale del Pd Bruno Pigozzo alla Giunta della Regione, dando voce alle preoccupazioni manifestate dal Pd di Meolo.

La sospensione, sostiene, è necessaria in attesa dei risultati dell’inchiesta sui lavori pubblici della commissione istituita dal consiglio regionale nel marzo scorso, all’indomani delle indagini della Procura sui fondi neri che hanno fatto finire in carcere Piergiorgio Baita e Claudia Minutillo.

I due a quell’epoca erano dirigenti anche di due delle tre società promotrici del progetto della nuova arteria stradale Meolo-Jesolo. Già in passato, prima ancora che lo scandalo travolgesse i vertici delle due società, Pigozzo era stato molto critico sulla costruzione della nuova superstrada, che avrebbe eliminato l’attuale Treviso-mare per realizzare una infrastruttura a pagamento.

Adesso che la Regione ha pubblicato il bando europeo per la realizzazione della Meolo-Jesolo Pigozzo torna alla carica. E, ricordando come le precedenti tre società si siano fuse in un unico gruppo, “La Strada del mare srl” diventato il promotore unico della nuova superstrada con diritto di prelazione sulle altre imprese che parteciperanno all’appalto, il consigliere del Pd si è appellato alla Giunta regionale: «Sarebbe doveroso, per ragioni di opportunità politica, sospendere le procedure di gara in corso e attendere gli esiti della commissione sui lavori pubblici e gli sviluppi dell’inchiesta giudiziaria». (e. fur.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui