Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

 

Le grandi navi da crociera in arrivo a Venezia saranno «dirottate» da novembre a aprile del prossimo anno a Trieste e Ravenna, senza entrare in laguna. Ma non si tratta degli effetti di una prima applicazione del decreto Clini-Passera, ma di una misura obbligata, legata all’accelerazione dei lavori del Mose in corsa alla bocca di porto del Lido, che impediranno per quel periodo l’accesso alle grandi navi. Così ha deciso il presidente dell’Autorità Portuale Paolo Costa e la Venezia Terminal Passeggeri (Vtp) si è dovuta forzatamente adeguare, come spiega il presidente Roberto Perocchio.

«I lavori del Mose prevedono nel periodo che va dal 23 novembre al 4 aprile – spiega – la posa in acqua dei primi cassoni del Mose, con l’intervento dei sommozzatori per l’aggancio. Un intervento delicato che richiede condizioni di mare non mosso e per questo è stato ritenuto che il passaggio in contemporanea delle grandi navi fosse incompatibile con esso. Abbiamo già informato per iscritto le compagnie di crociera dando indicazioni di attraccare nei porti di Trieste o di Ravenna, anziché in quello di Venezia per il periodo considerato. Si tratta comunque di un periodo di bassa stagione, in cui le crociere sono in numero molto minore rispetto a quello attuale. Abbiamo individuato in tutto solo otto navi-crociera da spostare, di cui tre in home port, cioè come baso di arrivo e di partenza e cinque come base di transito».

Il “calendario-navi” pubblicato da Vtp, vede però nove toccate solo nel periodo fine novembre-fine dicembre, di cui due della Costa che è l’unica ad avere base a Trieste con l’arrivo e la partenza della Costa Classica. La Costa ha in calendario a Venezia due attracchi tra novembre e dicembre con Costa Fascinosa e Costa Magica. Le altre navi in calendario appartengono a P&O, Royal Caribbean, Princess Cruise e Celebrity Cruise.

Per il presidente Perocchio, comunque, la chiusura temporanea di Venezia al traffico crocieristico non avrà conseguenze. «Si tratta di un periodo limitato di tempo e in bassa stagione – insiste – e per questo avevamo già preavvertito verbalmente le compagnie di crociera che i lavori in corso per il Mose avrebbero potuto portare a una parziale chiusura dello scalo in Marittima. Abbiamo avuto assicurazione che le lavorazioni del Mose non avranno altre conseguenze per il regolare svolgimento del traffico crocieristico».

Da valutare invece, quando il Mose sarà entrato in funzione, le effettive conseguenze sul passaggio delle navi da crociera in relazione a quelle che saranno le sue chiusure, anche se è stata prevista una conca di navigazione per il “parcheggio” di esse.(e.t.)

link articolo

 

Interrogazione sul decreto Clini-Passera

Sinistra Ecologia Libertà ha presentato un progetto di legge, a prima firma dell’onorevole Giulio Marcon, che pone un termine certo per il divieto di transito delle grandi navi per il Canale della Giudecca e il Canale di San Marco, fissa il “numero chiuso” per il passaggio per la laguna di Venezia e assegna al Sindaco di Venezia la competenza di regolarne il transito. Ieri discussa in commissione Ambiente l’interrogazione al governo di Sel sull’applicazione del decreto Clini-Passera. Risposta interlocutoria del sottosegretario alle Infrastrutture Ghirlanda.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui