Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

VIGONOVO «Perché all’incontro sul tema dell’elettrodotto “Vallone Moranzani” svoltosi a Roma non sono state invitate le amministrazioni comunali locali e le provincie di Venezia e Padova interessate dall’elettrodotto aereo Dolo-Camin?». Se lo chiede Filippo Fogarin, vicesindaco di Vigonovo, dopo che nei giorni scorsi si è svolto un incontro per approfondire la situazione di stallo venutasi a creare dopo la sentenza del Consiglio di Stato che ha bloccato i lavori dell’elettrodotto. Fogarin ribadisce di essere a favore dell’interramento totale del “Dolo-Camin”.

«Noi da sempre sosteniamo la realizzazione dell’elettrodotto interrato come previsto per la nuova linea di 190 km tra il Piemonte e la Savoia in Francia».

Sul tema interviene anche Mario Vescovi, consigliere comunale della Lega Nord di Dolo. «Noto un forte impegno da parte di assessori regionali, parlamentari e ministri per garantire il prosieguo dei lavori dell’elettrodotto del Vallone Moranzani», precisa l’esponente del Carroccio, «ma queste persone dovrebbero però attivarsi anche perché venga interrato tutto l’elettrodotto in Riviera del Brenta». (g.pir.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui