Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Cappelli chiede a Zambon una moratoria per l’area del Castello

CONEGLIANO – Una moratoria alle edificazioni sulla collina del Castello. E’ questa la richiesta che il capogruppo del Terzo Polo Roberto Cappelli porterà sul tavolo del sindaco Floriano Zambon e della sua giunta. Per Cappelli dovrebbe essere esteso a tutta l’area che circonda il castello che domina dall’altro la città del Cima il «no» di chi si oppone alla realizzazione di un ristorante all’incrocio tra via Molmenti e via Benedetto Croce, ad opera dell’imprenditore Adriano Paccagnella.

Il «no» per il capogruppo del Terzo Polo dovrebbe riguardare anche l’altra nuova edificazione che sorgerà a pochi passi dalle mura. Il 9 maggio la giunta ha dato il via libera a un altro intervento che porterà alla costruzione di quattro unità abitative a non molti metri di distanza dal discusso futuro ristorante di Paccagnella. La proprietà è un’altra, ma l’area è la stessa. Si tratta del piano di recupero, denominato “Calissoni – Molmenti” che consentirà la realizzazione di quattro villette al posto dell’abitazione esistente a bordo strada. Gli edifici sorgeranno a ridosso della frana che da oltre un anno ha obbligato a chiudere al traffico parte della carreggiata della via che conduce all’edificio simbolo della città.

A permettere tutto ciò sono il Prg esistente e il Piano Casa. Il caso era già emerso in consiglio comunale, ma a rilanciarlo nei giorni scorsi era stato lo stesso Paccagnella che, difendendo il suo progetto, aveva invitato a puntare gli occhi piuttosto su quanto si prevede di costruire poco più in là, nell’ambito appunto del piano Calissoni-Molmenti.

Quello che chiede Cappelli è un dietrofront generale della giunta sui permessi a costruire rilasciati dal Comune in quest’angolo della città. La collina per il consigliere di opposizione deve essere preservata così com’è. Cappelli si dice «contrario a qualsiasi tipo di edificazione» in quell’area e chiede una «moratoria totale» sui permessi. Per il capogruppo del Terzo Polo la giunta dovrebbe convocare i proprietari dei terreni che insistono sulla collina per arrivare a un accordo che tuteli il paesaggio.

Renza Zanin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui