Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

A Fiesso sostituiranno quelli abbattuti per far posto alla nuova pista ciclabile

FIESSO D’ARTICO – «La Provincia di Venezia metterà a dimora nel territorio di Fiesso d’Artico 31 tigli, ossia il numero esatto di quelli abbattuti per far posto alla nuova pista ciclabile e ai necessari sottoservizi di via Piove. Chiederemo ai cittadini stessi l’indicazione del luogo dove si desidera siano piantati».
Anche il sindaco di Fiesso d’Artico, Andrea Martellato, si è detto dispiaciuto dell’abbattimento dei tigli esistenti da circa 30 anni sul lato ovest della strada provinciale 12 in località Casello 9.
«Ho passato sotto quei tigli gran parte della mia gioventù. Tuttavia non ho potuto oppormi al progetto redatto dall’Ufficio manutenzione e sviluppo del sistema viabilistico della Provincia di Venezia che, va chiarito, ha sostenuto tutte le spese dei lavori. Per tale operazione il comune di Fiesso non ha sborsato neanche un euro. Anzi, dietro nostra richiesta, hanno aggiunto al progetto iniziale 200.000 euro proprio per collocare nel sottosuolo una spaziosa condotta dentro la quale fare passare le tubazioni di vari sottoservizi, comprese quelle pericolose in eternit dell’acqua, intrappolate tra le radici dei tigli e per le quali si rendeva comunque necessario un intervento. Va anche ricordato che, oltre al gruppo di persone contrarie al taglio dei tigli, ve n’erano altre residenti nel posto che erano invece favorevoli alla loro soppressione. Infatti le piante cresciute troppo stavano creando problemi, oltre che nel sottosuolo, anche in superficie, specialmente con la caduta delle foglie che ostruivano le grate dei tombini e creavano allagamenti sulla strada. Il taglio dei tre tigli sul lato est della strada si è invece reso necessario per allargare lo spazio per la rotonda in costruzione. Nessun altro tiglio verrà abbattuto. Poiché il progetto della pista ciclabile è stato realizzato per congiungersi alla predetta rotonda, stiamo valutando come poterla allungare fino al ponte sopra il Naviglio a Paluello di Stra». (V.Com.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui