Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Venezia “Stop alle navi troppo grandi”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

20

ago

2013

l’attrice ottavia piccolo

«Sono una ricchezza, lo sarebbero anche spostandole a Marghera»

VENEZIA. Dopo Celentano, Ottavia Piccolo. La celebre attrice romana, che da qualche anno ha preso casa al Lido, è intervenuta ieri mattina a Radio Rai per ribadire la sua netta opposizione alle grandi navi in laguna.

«Mi hanno chiesto cosa ne pensavo del turismo a Venezia», spiega, «ho ripetuto che occorre trovare alternative, anche se certo i turisti non li possiamo lasciare fuori. Quel che fa impressione è che negli ultimi anni le grandi navi si sono moltiplicate e soprattutto sono aumentate enormemente come dimensione. Mi pare non siano compatibili con la laguna».

«Mi rendo conto», continua l’attrice, «che le navi rappresentano anche una preziosa fonte di lavoro che va tutelata. Ma non credo che questa attività scomparirebbe se invece di farle attraccare in Marittima arrivassero a Marghera. Bisogna studiare alternative efficaci per tutelare la città».

La Piccolo non è nuova a queste prese di posizione. Qualche mese fa le aveva espresse in diretta a uno Speciale di Ambiente Italia, la trasmissione di Beppe Rovera, in diretta da Rialto. Navi fotografate anche con il telefonino, mentre passano enormi davanti alle finestre che danno sul Bacino San Marco. Un problema la cui soluzione non può più essere rinviata. Il mondo si chiede come sia possibile che anche dopo la tragedia della Costa Concordia si lascino transitare a poche decine di metri da Palazzo Ducale. La protesta, condivisa anche dal Comune, ha portato a un incontro nella sede del ministero delle Infrastrutture. Al ministro Lupi sono stati consegnati i progetti alternativi. Quello del Porto, che prevede lo scavo di un nuovo canale, il Contorta Sant’Angelo, giudicato però «pericoloso» dagli ingegneri idraulici per l’equilibrio della laguna. La tangenziale dietro la Giudecca, il nuovo porto a Punta Sabbioni, la Marittima a Marghera. Decisione attesa per i prossimi giorni.(a.v.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui