Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Elettrodotto. Vallone, Riviera assente.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

21

ago

2013

MARGHERA – Dolo e Vigonovo invitati a partecipare alle prossime riunioni

Il Pd replica alle critiche dei sindaci esclusi dall’incontro sull’elettrodotto

«I sindaci della Riviera del Brenta avrebbero dovuto partecipare agli incontri di Agenda 21 del Vallone Moranzani». Così avrebbero capito perché l’interramento degli elettrodotti che sovrastano Malcontenta rappresenta un elemento fondamentale per la riqualificazione del paese sul Naviglio.

Antonio Cossidente e Marco Rizzetto, segretario e responsabile giovani del circolo del Partito Democratico di Marghera, rispondono a distanza a Filippo Fogarin, vicesindaco di Vigonovo e a Mario Vescovi, consigliere comunale della Lega a Dolo.

«Siamo d’accordo – scrivono – che all’incontro ministeriale del 2 giugno sullo sblocco dei lavori del Vallone avrebbero dovuti esserci anche i rappresentanti della Riviera, ma avrebbero potuto anche chiedere di parteciparvi. Altresì avrebbero potuto partecipare a tutti i circa 50 incontri dell’Agenda 21 del Vallone Moranzani in modo che il problema potesse essere affrontato in quella sede».

Secondo gli esponenti democratici, «come i cittadini rivieraschi hanno diritto di battersi per il loro territorio per l’elettrodotto, anche i cittadini di Malcontenta e Marghera hanno diritto di avere un territorio rigenerato». Invece, questo l’atto d’accusa agli amministratori della Riviera, «non abbiamo mai sentito una parola di sostegno di questi Comuni all’Accordo di programma Vallone Moranzani e al percorso partecipativo che ha visto coinvolti centinaia di cittadini che, per vedere realizzate infrastrutture necessarie, hanno accettato una discarica di fanghi inertizzati da Malcontenta a Fusina». «L’accordo – concludono Cossidente e Rizzetto che invitano i sindaci a partecipare ai prossimi incontri – va portato avanti in ogni sua parte. La Provincia ha risposto vagamente alle richieste e non abbiamo ancora visto il progetto definitivo della viabilità».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui