Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

STRA – «Dobbiamo riprenderci la regina delle ville venete. Se lo Stato non riesce ad occuparsi di Villa Pisani, questa va affidata al territorio, magari ad una fondazione».

Dopo l’appello-denuncia di un giovane studente di Pianiga sullo stato di degrado e abbandono di villa e parco, Ernestino Canton, ex sindaco di Stra ed oggi consigliere comunale all’opposizione con Progetto Civico formula delle proposte.

«Non si può rimanere indifferenti al degrado in cui versa oggi Villa Pisani – afferma – e per questo ritorna più che mai attuale la richiesta di riprenderci questo bene, magari attraverso la creazione di una fondazione che si occupi della gestione culturale di Villa Pisani».

L’ex sindaco ricorda come solo qualche anno il parco della Regione delle Ville Venete fu citata come «il più bello d’Italia» e come fosse al centro dell’attenzione internazionale, luogo d’interesse culturale e di grandi eventi grazie alla collaborazione con il Soprintendente Guglielmo Monti e con la Provincia di Venezia per «Villa Pisani Strafestival». Canton ricorda gli spettacoli musicali di altissimo livello, con nomi come Paolo Conte, Bob Dylan, Pat Metheny, Mark Knopfler e tanti altri artisti come Benigni ed i prestigiosi concerti lirici.

«Se mancano i fondi, se è sempre più difficile che lo stato centrale arrivi in queste realtà locali – commenta Canton – Le amministrazioni locali devono intervenire magari coinvolgendo i privati».      (l.gia.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui