Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Mattino di Padova – Pedemontana, digiuno di giunta a Marano.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

23

ago

2013

VICENZA. Un’intera giunta comunale, quella di Marano Vicentino, formata da sei amministratori, è pronta a sostituire don Albino Bizzotto, presidente e fondatore dell’associazione «Beati i costruttori di pace», nel digiuno, a sola acqua, che il sacerdote sta portando avanti da sette giorni a Padova per rendere nota l’emergenza ambiente in Veneto.

«A don Bizzotto – spiega il sindaco Piera Moro – abbiamo voluto portare non solo la nostra solidarietà, ma anche l’intenzione di sostituirlo nel suo digiuno, appena i medici lo obbligheranno per motivi sanitari a riprendere a mangiare. A quel punto inizieremo noi».

Ieri pomeriggio, intanto, sopralluogo sui cantieri della Superstrada Pedemontana Veneta da parte dell’europarlamentare Andrea Zanoni accompagnato da don Albino Bizzotto, Gianni Tamino, Elvio Gatto, Massimo Follesa e dai rappresentanti dei comitati che da sempre si battono contro la realizzazione di questa infrastruttura.

«Ci siamo resi conto con i nostri occhi della devastazione ambientale che si sta compiendo – spiega Andrea Zanoni – Questa è la Superstrada delle cave, c’è uno scenario apocalittico di straordinaria ferocia. Vi sono voragini profonde dieci metri e più».

Il sopralluogo ha toccato alcune tappe dove sono attivi i primi cantieri della Superstrada che sta realizzando la Sis – controllata dalla famiglia piemontese Dogliani e dagli spagnoli della Sacyr – da Montecchio Precalcino a Sarcedo.

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui