Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MIRA – La Riviera del Brenta, anche se in extremis, torna in festa per tre giorni, dal 6 all’8 settembre con Riviera Fiorita – XXXVI edizione. La tradizione e la forza di volontà dei tanti volontari e delle associazioni prima ancora degli enti locali e degli imprenditori hanno fatto il miracolo. Ad annunciarlo sono stati gli stessi organizzatori che hanno motivato così lo stretto riserbo attorno alla manifestazione.

«Solo fino a poche settimane fa – hanno spiegato – la macchina organizzativa di Riviera Fiorita non era ancora stata avviata a causa delle insufficienti risorse economiche disponibili. Ma le sinergie tra enti pubblici e operatori privati messe in campo hanno fatto sì che l’organizzazione della XXXVI edizione prendesse avvio».

Sarà quindi garantito il tradizionale corteo acqueo con le imbarcazioni e i figuranti in costume d’epoca che da Stra scorrerà lungo il naviglio fino a Malcontenta. Ma la Riviera, unendo le disponibilità tra Comuni, associazioni e privati, ha fatto anche qualcosa di più.

«Per le celebrazioni rievocative dell’incontro tra Enrico III e il Doge di Venezia che si svolgeranno nei centri storici di Stra, Fiesso d’Artico e Dolo – hanno annunciato gli organizzatori – saranno proposte della animazioni dedicate ai canovacci della Commedia dell’Arte con figuranti-attori che coinvolgeranno il pubblico presente».

Insomma ancora una volta Provincia, l’Apt di Venezia, l’Unione dei Comuni della Riviera e tutti i Sindaci della Riviera del Brenta, si sono uniti per recuperare risorse e sponsor in grado di coprire i costi primari della manifestazione.

«Con fiducia e attenzione – spiegano gli organizzatori – aziende, categorie, imprenditori, operatori, volontari, convinti che l’appuntamento non sia solo occasione di festa e celebrazione delle tradizioni più autentiche ma vera opportunità turistica ed economica da portare avanti e sviluppare sempre più».

Luisa Giantin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui