Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – “Stop ai tagli di portalettere a Mira”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

25

ago

2013

Il sindaco Maniero scrive a Poste Italiane: il nostro territorio è già penalizzato

MIRA – Il sindaco di Mira Alvise Maniero denuncia una situazione insostenibile per il territorio comunale: a Dolo c’è un postino ogni 1.500 abitanti, a Mira meno di uno ogni 2000. Se i ritardi alla consegna ora sono di diversi giorni, dopo i previsti tagli diventeranno regolarmente di settimane. Per cercare di evitare altri disagi nel prossimo autunno, il sindaco in questi giorni ha incontrato i portalettere garantendo loro la massima attenzione su questa importante vertenza in atto.

«L’azienda» dice «sta portando avanti una forte ristrutturazione e c’è il timore che alla fine vengano ridotti i posti di lavoro, specie per i portalettere, con inevitabili ricadute sulla tempestività delle consegne».

Maniero spiega gli esiti dell’incontro con l’azienda. «Con grande disponibilità» riconosce «ci sono state illustrate le ragioni dell’intervento, che risponderebbe al calo di traffico postale verificatosi negli ultimi anni. La preoccupazione riguarda in primo luogo il notevole divario nel rapporto abitanti/portalettere tra i vari Comuni (ad esempio, Dolo ne vede uno ogni 1.500 abitanti, mentre Mira, quattro volte più estesa e ben due volte e mezzo più popolosa, ne vede meno di uno ogni 2.000; Pianiga, che ha essenzialmente la stessa superficie e gli stessi abitanti di Dolo, ha ora quattro portalettere a fronte di dieci)».

Poste Italiane, continua Maniero, ha spiegato questa stranezza osservando che i criteri di organizzazione tengono conto di altri fattori, come il traffico di posta e la tipologia della stessa, che influenzano il bisogno di risorse umane nella distribuzione. L’auspicio è che le decisioni che saranno prese da azienda e sindacati continuino ad essere ispirate dall’obiettivo di garantire il migliore servizio, e che se la popolosità e l’estensione dei Comuni non sono l’unico fattore da considerare, Mira in ogni caso non subisca penalizzazioni rispetto a realtà vicine. (a.ab.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui