Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – C’e’ la Rai, imbarazzo in Riviera

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

28

ago

2013

MIRA – Linea Blu farà un servizio. Carraro: «Rischiamo di dare una brutta immagine»

Gli imprenditori turistici preoccupati per lo stato di incuria del territorio

IL RISTORATORE  «Rischiamo di presentarci molto male»

«Molte rive attendono ancora lo sfalcio dell’erba, il parco di Villa Pisani a Stra è semiabbandonato, quello di villa Widmann Foscari quasi».

DEGRADO Anche la cartellonistica offre un’immagina degradata della Riviera del Brenta. Le insegne che indicano i nomi delle dimore storiche, sono rovinate dal tempo, alcune divelte.

MIRA – La Riviera del Brenta ospite della trasmissione televisiva della Rai “Linea Blu” ma con quale biglietto da visita? «Rischiamo veramente di dare una brutta immagine». Il parere è di quelli che pesano: è di Adelino Carraro titolare del ristorante il Burchiello, che si fa portavoce dei timori degli imprenditori turistici che guardano alla trasmissione come «un’importante occasione per la promozione turistica della nostra area».

Una troupe della Rai arriverà nei prossimi giorni in Riviera per preparare una servizio sui fiumi navigabili del Veneto, naviglio del Brenta compreso. Uno scenario tra i più belli d’Italia con le rive costellate di ville e giardini un tempo dimore della nobiltà veneziana che passava in Riviera del Brenta il periodo della villeggiatura per curare gli interessi economici legati alla produzione agricola.

«Rischiamo di presentarci molto male – insiste Carraro – con molte rive che attendono ancora lo sfalcio dell’erba, il parco di Villa Pisani a Stra semiabbandonato, quello di villa Widmann Foscari quasi». Il tutto mentre si avvicina l’evento clou per i comuni lungo il naviglio, la manifestazione Riviera Fiorita, la rievocazione storica con corteo acqueo da Stra a Malcontenta.

«Sono mesi che denunciamo il disinteresse e l’incuria da parte del territorio – spiega Gabriele Baldan del Git (Gruppo imprenditori turistici della Riviera) – e per questo in occasione di Riviera Fiorita proponiamo il Premio Riviera Pulita proprio per ribadire l’importanza di tenere in ordine le rive, i fiori, le piante. Ad oggi è l’unico esempio di impegno, dal basso, nel valorizzare il territorio che invece rischia di perdere delle occasioni (Linea blu è comunque un’importante vetrina) per i tagli alle risorse ma anche per l’inerzia degli enti locali. Da tempo chiediamo un incontro con il Genio Civile, Veritas e Comuni per avere risposte chiare ed impegni precisi e capire una buona volta le responsabilità sulla competenza della pulizia nelle rive, su villa Widmann e Pisani».

Insomma la Riviera nonostante le potenzialità rischia di perdere un’occasione importante come opportunità di meta turistica. Ad oggi infatti, oltre al degrado del paesaggio, non esiste neppure un sistema organico di informazioni sull’apertura e la visita alle varie ville da Stra a Oriago. Villa Pisani, di competenza della Sovrintendenza fa da sè; villa Costantini Venier, affidata all’Istituito regionale Ville Venete, anche e in villa Widmann Foscari a Mira, di proprietà della Provincia, rimane solo il punto informativo dell’Apt aperto tutti i giorni, mentre le visite sono solo su prenotazione meglio se con una settimana di anticipo.

Luisa Giantin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui