Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Dolo. Ospedale, visita “regionale”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

29

ago

2013

DOLO – Il presidente della 5. Commissione incontra medici e sindaci

DOLO – Leonardo Padrin, presidente della Quinta Commissione regionale, ha incontrato ieri i sindaci della Riviera ed il personale ospedaliero di Dolo, per conoscere dai primari e dai medici quali sono le loro osservazioni sui cambiamenti in arrivo.

«Non è stato ancora definito niente – ha sottolineato – anche perché la valutazione riguarderà l’Ulss 13 nel suo complesso, nell’intento di fornire un’organizzazione dei servizi che possa garantire la massima funzionalità. Cominceremo ad eseminare le schede ospedaliere giovedì 5 settembre e contiamo di definire il tutto entro la fine del mese».

In merito alla paventata divisione degli ospedali di Dolo e Mirano in polo medico e polo chirurgico, Padrin ha sostenuto che non ha senso, perché entrambi dovranno garantire gli obiettivi programmati, ossia di «erogare un servizio di urgenza e di emergenza in grado di soddisfare la massima efficienza».

Ma ha anche detto che «Per quanto riguarda le altre situazioni si andrà verso ospedali territoriali sempre più specializzati ed in grado garantire delle eccellenze nel loro campo specifico e non avrà senso soffermarsi solo sugli aspetti logistici». Sul problema delle sale operatorie di Dolo Padrin ha detto chiaramente: «Servono e continueranno a funzionare».

Era presente all’incontro anche il consigliere regionale Bruno Pigozzo: «Ho trovato importante l’apertura di Padrin sul fabbisogno della salute e positivo che nulla è stato deciso fra polo chirurgico e polo medico. Volevo ricordare e sottolineare che l’Asl 13 ha fatto registrare un pareggio di bilancio che testimonia come l’integrazione fra i due ospedali abbia prodotto un risultato economico in linea con le leggi regionali e che non si debba cambiare le due entità ma ottenere i finanziamenti regionale per migliorarne la qualità».

«La visita di oggi conferma quanto da tempo stiamo sostenendo – ha commentato il consigliere regionale Piatrangelo Pettenò – e cioè che il disegno che esce dalle schede di dotazione ospedaliera non risponde pienamente agli obiettivi del Piano Socio-Sanitario ed è fortemente penalizzante nei confronti di alcune Ulss. Di sicuro lo è nei confronti dell’Ulss 13». (l.per.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui