Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO – «Finalmente si è palesato ciò a cui teneva l’ex assessore Mario Vescovi. Di fatto e in maniera abbastanza eloquente ha fatto capire di volere un assessorato». Risponde così, senza giri di parole, la prima cittadina dolese Maddalena Gottardo, alla richiesta di un rimpasto di Giunta, avanzata dal consigliere comunale del Carroccio per mettere fine allo strappo interno alla maggioranza. Una richiesta che Gottardo rispedisce al mittente: «Non ho alcuna intenzione di operare rimpasti di giunta. Posso solo dire che il gruppo è compatto, sereno e deciso a portare avanti fino alla fine il mandato dei cittadini. Pertanto se il consigliere Vescovi vuole una sedia, dovrà aspettare il prossimo giro». Rilanciando: «Proprio oggi, con i capigruppo, abbiamo fissato il 12 settembre la nuova convocazione del Consiglio comunale sospeso l’altro giorno per la mancanza del numero legale».
Gottardo ribadisce, comunque, di non avere notizie dei consiglieri Vescovi e Fattoretto (Lega) ormai da tempo: «I rapporti con loro sono praticamente inesistenti e penso che resteranno tali». La maggioranza si reggerà quindi su un solo voto certo in più.

Intanto Vescovi rilancia: «Nove mesi senza essere più invitato alle riunioni di maggioranza: credo sia una situazione di forte imbarazzo e disagio che a nessuno pare interessare. Mi chiedo se un consigliere comunale serva solo ad alzare la mano per sostenere la maggioranza. Resta il fatto che la situazione tragicomica si trascina oramai da molti mesi e non garantisce la democraticità elettorale». (g.d.c.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui