Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

SANTA MARIA DI SALA – Tanta gente, specie chi abita nel tratto di via Noalese che va dalla curva Bozza di Sant’Angelo alla via Volpin di Caselle dé Ruffi, alza la voce e torna a chiedere al Comune le piste ciclabili.

«Una ventina di anni fa si sono fatti i centri commerciali, ora però sarà bene che si facciano anche i percorsi per raggiungerli in sicurezza», dicono Lina, che è terrorizzata di affrontare il traffico di via Noalese per andare a far la spesa e Carlo Niero, che da sempre combatte per la realizzazione della pista ciclabile che congiunga il centro di Caselle con l’area commerciale.

«Ora poi- aggiunge Benito Pistore, pensionato – che di risorse economiche non ve ne sono più, eccetto che per gli sprechi, meglio mettersi il cuore in pace. Ma è giusto così?»

Carlo Petrin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui