Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Mirano. Irene Padella di sel

MIRANO – Fermare la polemica è difficile come fermare la sagra. E così a Mirano il dibattito continua: sì o no alle grandi giostre? A creare ancor più scompiglio nella maggioranza è Sel, che con la (giovane) coordinatrice di circolo Irene Padella dice no alla proposta di “Io scelgo Mirano” di rivedere la Fiera di San Matteo.

«Con la sfilata dei trattori il 1 settembre Mirano ha raggiunto il Guinness dei primati per inquinamento, rumori e vibrazioni e certi eventi non giovano certo alla bellezza del centro storico», sostiene Padella, «ma giù le mani dalla Fiera, da sempre considerata il momento clou e conclusivo dell’estate miranese. Se migliaia di persone arrivano da tutto il Veneto è anche per provare questo luna-park e godersi il centro in una veste insolita, fatta di luci, suoni e colori. Forse è vero: le giostre “enormemente sproporzionate” provocano rumore e vibrazioni, ma sono davvero i cinque giorni di fiera a provocare danni alla città? O sono opere come il Passante e Veneto City? Speriamo che la giunta, dopo queste polemiche, consideri i veri problemi che danneggiano il territorio, lasciando stare la fiera e le tradizioni».

(f.d.g.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui