Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Mirano. Irene Padella di sel

MIRANO – Fermare la polemica è difficile come fermare la sagra. E così a Mirano il dibattito continua: sì o no alle grandi giostre? A creare ancor più scompiglio nella maggioranza è Sel, che con la (giovane) coordinatrice di circolo Irene Padella dice no alla proposta di “Io scelgo Mirano” di rivedere la Fiera di San Matteo.

«Con la sfilata dei trattori il 1 settembre Mirano ha raggiunto il Guinness dei primati per inquinamento, rumori e vibrazioni e certi eventi non giovano certo alla bellezza del centro storico», sostiene Padella, «ma giù le mani dalla Fiera, da sempre considerata il momento clou e conclusivo dell’estate miranese. Se migliaia di persone arrivano da tutto il Veneto è anche per provare questo luna-park e godersi il centro in una veste insolita, fatta di luci, suoni e colori. Forse è vero: le giostre “enormemente sproporzionate” provocano rumore e vibrazioni, ma sono davvero i cinque giorni di fiera a provocare danni alla città? O sono opere come il Passante e Veneto City? Speriamo che la giunta, dopo queste polemiche, consideri i veri problemi che danneggiano il territorio, lasciando stare la fiera e le tradizioni».

(f.d.g.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui