Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – In bici o a piedi, senza auto si puo’

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

14

set

2013

AMBIENTE – Al via da domani la Settimana della mobilità sostenibile

Il programma delle iniziative promosse nel Comune

Anche quest’anno Venezia aderisce alla Settimana europea della Mobilità sostenibile, promossa da lunedì a domenica prossimi dalla Commissione europea con il titolo “Aria pulita, ora tocca a te”. Non ci sarà alcun blocco del traffico, ma una serie di iniziative con l’obiettivo di incoraggiare i cittadini a utilizzare i mezzi di trasporto alternativi all’auto privata per sgravare la circolazione e ridurre l’inquinamento atmosferico.

Comune, Avm, Fiab-Amici della bicicletta e Agire-Agenzia veneziana per l’energia, hanno predisposto alcuni appuntamenti distribuiti sul territorio, a partire da domani, quando si terrà una gita in bicicletta di 100 giovani e le loro famiglie a Sant’Erasmo, tra percorsi sulle due ruote e in barca. Sempre domani, in mattinata, oltre alla Maratonina di Mestre-Correre insieme si terrà anche la Pedalonga dei forti a cura degli Amici della bicicletta. Ancora la Fiab, martedì in collaborazione con la Canottieri, organizzerà un aperitivo gratuito alle 18 a Forte Marghera, mentre mercoledì, davanti al Municipio di via Palazzo, dalle 10 alle 14, ci sarà la punzonatura gratuita delle bici da parte di Avm, un’utile precauzione per scoraggiare i furti purtroppo sempre più diffusi.

Venerdì ritornerà la campagna di conteggio dei passaggi sulle due ruote con quattro check point degli Amici della bicicletta attivi in altrettanti punti strategici nell’ora di punta dalle 7.30 alle 9.30. Nella stessa giornata in programma anche incontri nelle scuole della Direzione Ambiente e alle 18 spritz in compagnia in via Brenta Vecchia. Infine, sabato e domenica prossimi l’istituzione Parco della laguna proporrà Isole in rete per conoscere l’ambientazione. Durante la settimana, ci saranno dei gazebo in piazzetta Olivotti, in collaborazione con il Centro Le Barche, dove verrà distribuito del materiale informativo della Direzione Mobilità e della Direzione Ambiente, mentre Avm proporrà la prova gratuita di automobili elettriche nell’ambito del servizio di car sharing e le biciclette elettriche del bike sharing.

Alvise Sperandio

 

IDEA – Adesso la pizza arriva più veloce in bicicletta

I primi a Mestre e tra i primi in Italia ad inventarsi Pizza Express ovvero la consegna a domicilio delle pizze, alla fine degli anni ’80. Nel 2002 i primi ad aprirsi al kebab, adesso i primi a lanciare l’idea della pizza consegnata in bici. Ma Michele Pirredda e Adriano Marchiori non sono nuovi ad imprese uniche. Basti dire che con la consegna della pizza a domicilio a suo tempo erano arrivati ad avere 30 pony express che scorrazzavano ovunque con le Margherite e le 4 stagioni sul bauletto del motorino. Poi avevano deciso di buttarsi sia sul kekab sia sull’impresa di rifare le mozzarelle in carrozza come si facevano al Canton ed avevano preso in gestione la polleria-rosticceria di piazza Ferretto, in fianco a Baessato. Adesso il duo Marchiori-Pirredda si lancia sulla “ciclopizza”. «Perchè ce ne sono talmente tanti di posti che fanno la pizza che ha senso concentrarsi sul quartiere. Bene che vada chi ti conosce e ti chiama è chi abita nei paraggi e allora gli si porta la pizza in un attimo anche in bici. Anzi, prima che in motorino. E senza inquinare. Pizza buona? La fanno loro due, gli inventori della pizza a domicilio. «Ciclopizza» non inquina nemmeno con il telefonino e risponde ad un numero fisso 041984092.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui