Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Venezia. Grandi navi a Marghera in quattro fasi.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

15

set

2013

CROCIERE – In poco tempo sarebbe possibile alleggerire il traffico del 20%. Orsoni: «Idea interessante»

Grandi navi a Marghera in 4 fasi

Costa 412 milioni il progetto di Alessio Vianello e soci

Un progetto in quattro fasi che costa 412 milioni di euro per portare la Marittima da Venezia a Porto Marghera e che si ripagherebbe quasi tutto proprio con le realizzazioni previste.

La fase zero non costerebbe nulla e permetterebbe di eliminare da subito il 20% delle grandi navi che passano per San Marco.

L’altro ieri Alessio Vianello, ex assessore comunale alle Attività produttive, ex presidente del Consorzio della logistica e avvocato dello studio Mda che si occupa di aziende, ha protocollato in Comune il progetto realizzato «assieme ad alcuni studi di ingegneria e architettura che lavorano sulla progettazione e realizzazione di porti a livello internazionale e che per il momento restano anonimi».

Vianello & Co. hanno così messo a disposizione del Comune l’idea che ormai ha preso forma sia dal punto di vista tecnico sia da quello ambientale «contando che il sindaco Orsoni e la sua Giunta vogliano fare una scelta di lungo periodo e di carattere strategico». Per i proponenti, infatti, l’allontanamento delle grandi navi dal bacino di San Marco è solo l’occasione per un’operazione molto più ampia che può riqualificare l’attuale stazione Marittima, dedicandola alle navi fino a 40 mila tonnellate e ai maxi yacht ma anche a funzioni di residenza urbana di alto livello; «allo stesso tempo può riqualificare il waterfront di Marghera (recuperando aree oggi abbandonate o quasi e al contempo bonificandole); ripensando e rafforzando, infine, il disegno urbano generale imperniato sulla centralità metropolitana intorno al grande asse che comprende da un lato la prima zona industriale e le aree di via Torino e dall’altro la testa di ponte di Venezia con le aree della Marittima, di piazzale Roma e della stazione ferroviaria».

Un progetto, insomma, che ridisegna un pezzo di città, unendo Venezia e Mestre proprio sulla cerniera che nel secolo scorso aveva finito per dividerle, l’area industriale e la gronda lagunare.

Da dove vengono fuori i soldi? I proponenti pensano ad un project financing che coinvolga in minima parte il pubblico (ad esempio per le bonifiche del canale Brentella), poi i privati proprietari delle aree di Porto Marghera che stanno tra il Vega e Fincantieri, le compagnie delle navi da crociera, e Vtp, la Venezia terminal passeggeri che gestisce la Marittima di Venezia e che dovrebbe fare da regia all’intera operazione. Dal porto crociere attuale, solo valorizzando i 130 mila metri quadrati che potrebbero essere liberati per nuova residenza e altre funzioni urbane, si ricaverebbero circa 400 milioni di euro.

«Ho visto il progetto e sembra davvero molto interessante» commenta il sindaco Giorgio Orsoni, «anche per il fatto che i proprietari delle aree sembrano disponibili e questo gli dà maggiore concretezza. Chiederò sicuramente che a Roma venga preso in considerazione assieme alle altre ipotesi che sono state fatte, anche perché va esattamente nella linea che da tempo ho indicato, di Marghera come una soluzione che nell’immediato può ridurre il passaggio delle navi in Bacino, e mi sembra che anche qualche apertura da parte dell’Autorità portuale finalmente ci sia».

Elisio Trevisan

 

LA SCHEDA – La Marittima diventerebbe un nuovo quartiere di lusso

La nuova Marittima dovrebbe nascere, in quattro fasi, lungo il canale industriale Nord (quello, per intenderci, dove c’è Fincantieri) e il canale Brentella (dove ormeggiano i rimorchiatori Panfido), a fianco del Vega parco scientifico, collegata con ferrovia, tram, autostrada, aeroporto.
La fase zero non costerebbe nulla ma permetterebbe, nel giro di pochissimo, di togliere dal bacino di San Marco il 20% del traffico crocieristico attuale: basterebbe piantare delle bricole più o meno davanti al canale Brentella, ormeggiarvi una nave e portare i crocieristi a Venezia con barche attraverso il canale Vittorio Emanuele. La prima fase, poi, costerebbe un centinaio di milioni, occuperebbe le aree e le banchine di Italiana Coke e di Fintitanic, e nel giro di tre anni eliminerebbe il 50% del traffico delle grandi navi da Venezia; la seconda comporterebbe due anni di lavori e toglierebbe altre due navi da Venezia, con la terza, in un anno, anche la quinta nave passerebbe a Marghera. Mediamente oggi Marittima di Venezia ospita dalle 250 alle 280 navi l’anno, con concentrazioni di 5 o 6 navi al massimo.
Per realizzare l’intero progetto, dunque, ci vogliono 6 anni ma già dalla prima fase si può cominciare a lavorare alla Marittima di Venezia per trasformarla in un grande hub per le navi sotto le 40 mila tonnellate, per i maxi yacht e per residenza urbana. La Marittima diventerebbe, insomma, un quartiere di lusso di Venezia con case che hanno il posto barca sotto e il garage per l’auto dietro. Un po’ com’è avvenuto a Rotterdam o a Boston.
Il progetto, premettono i proponenti, «non interferisce con le attuali produzioni di Porto Marghera e con i servizi portuali». Hanno verificato che non crea problemi alla raffineria, e i nuovi vincoli di sicurezza approvati l’anno scorso non impediscono alle navi da crociera di passare di lì; l’area occupata dalla fabbrica di vetri Pilkington verrebbe interessata dal progetto solo nel caso in cui l’Azienda in crisi chiudesse i battenti, altrimenti basterebbe l’uso della banchina; tutto il progetto si svilupperebbe al di fuori dell’isola portuale. (e.t.)

 

LA POLEMICA – L’assessore: «Attuare subito il numero chiuso». Il Comitato: «Le navi sono sei»

Cruise Venice-Bettin, si riaccende lo scontro

Si avvicina la convocazione del Comitatone per discutere sulle grandi navi (la data non è stata ancora decisa ma sarà entro ottobre) e intanto la “guerra” di posizione tra i pro e i contro continua ad infuriare. La notizia delle 12 navi contemporaneamente in Marittima per sabato prossimo ha scatenato nuove polemiche. Ora l’assessore all’Ambiente Gianfranco Bettin chiede a Capitaneria e Autorità portuale se non sia il caso di applicare subito il numero chiuso.
«Misureremo comunque rigorosamente cosa succederà – annuncia – perché il Comune chiederà all’Arpav uno sforzo straordinario di monitoraggio sotto ogni profilo. Arriveranno in città 12 grandi navi, un record per Venezia, per complessive 771.987 tonnellate di stazza lorda, che messe in fila si è calcolato siano lunghe quasi 3 chilometri, a bordo delle quali saranno ospitate quasi 30 mila persone tra passeggeri (20 mila circa) e personale (oltre 8 mila).
Cercheremo – continua – di misurare in particolare il rumore, le polveri sottili e gli ossidi di azoto emessi, certamente a tonnellate, dai giganti del mare entrati in laguna e in città e di osservare gli spostamenti di masse d’acqua e le variazioni di marea che provocheranno».
Secondo Bettin, il 21 settembre sarà l’occasione di verificare su larga scala l’impatto delle navi da crociera sulla città.
«Nel ribadire che ogni verifica possibile sarà da noi compiuta quel giorno – mette in chiaro l’assessore – chiediamo invece fin da ora a alla Capitaneria di Porto e all’Autorità portuale se ritengono di poter accettare che tale situazioni si verifichi. Se, in altre parole, certificano fin da oggi che quel giorno l’eccezionale addensamento di transatlantici a Venezia e il cumulo dei loro effetti ambientali non produrrà nessuna situazione di pericolo e di danno o se, invece, non ritengano di dover applicare fin da subito, fin da quel giorno, quel “numero chiuso” di cui si sta già discutendo».

Pronta e indignata la risposta del comitato Cruise Venice. «Quotidianamente i cittadini e l’opinione pubblica internazionale vengono bersagliati da informazioni distorte o create ad hoc – attacca il presidente Massimo Bernardo – come nel caso del presunto inchino della Carnival Sunshine del 27 luglio scorso. Riguardo i previsti accosti del 21 settembre prossimo, bisogna precisare che delle dodici navi in arrivo, solo sei sono grandi navi da crociera, tutte le altre hanno dimensioni minori. Una situazione normale in questo periodo già da anni. Circa il problema del moto ondoso – conclude – si ribadisce ancora una volta che tutte le misurazioni condotte hanno dimostrato come le navi da crociera non creino alcun moto ondoso».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui