Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

PORTO MARGHERA – La conferenza dei servizi ha dato l’ok al progetto di riconversione dell’Eni

RICONVERSIONE – La raffinera dell’Eni produrrà biocarburanti dal 2014

Via libera alla «raffineria verde» di Eni a Porto Marghera. Il ministero dello Sviluppo Economico ha autorizzato ieri il progetto «Green Refinery» di Eni: 100 milioni di investimento per la riconversione e l’integrazione verde dell’attuale raffineria di Porto Marghera. Un intervento importante, il primo del suo genere a livello mondiale, che porta in laguna nuova linfa per lo sviluppo della cosiddetta chimica verde.
La «Bioraffineria» sarà in grado di produrre, già a partire da gennaio 2014, circa 360.000 tonnellate all’anno di biocarburanti a partire da biomasse oleose a basso costo, inizialmente di prima generazione come olio di palma, per poi integrare nel ciclo anche cariche di seconda e terza generazione come grassi animali, oli esausti, oli derivanti da alghe e scarti di varie tipologie. Alla conferenza dei servizi che ha autorizzato il progetto, era presente anche l’assessore comunale allo Sviluppo Economico, Alfiero Farinea, che non può che sottolineare come strategico l’investimento di Eni.
«L’iniziativa – sottolinea Farinea – non deve essere considerata funzionale solo allo sviluppo delle attività di Eni, ma anche ad una prospettiva di rilancio e di riconversione degli impianti industriali presenti nell’area di Porto Marghera e all’attrazione di nuovi investimenti e di nuove iniziative economiche. Il progetto è un esempio concreto di riconversione economica e funzionale di Porto Marghera basata su un’attività industriale innovativa e ambientalmente sostenibile».

«Il progetto Green Refinery, – dice Angelo Fanelli, Direttore generale Eni Refining & Marketing – rappresenta il primo esempio al mondo di riconversione in ciclo green di una raffineria di oli minerali. E’ un progetto nato all’interno della ricerca Eni ed e’ un esempio concreto di come l’innovazione possa essere motore di sviluppo anche in un settore come la raffinazione europea che sta attraversando una crisi strutturale profonda. Ad oggi, come ribadito in conferenza di servizi al Mise, si stanno completando le attivita’ manutentive e di messa in sicurezza degli impianti in attesa della loro trasformazione al completamento iter autorizzativo. A partire dal primo trimestre del prossimo anno la bioraffineria comincierà a produrre biocarburanti di alta qualità, che utilizzeremo nella nostra rete per migliorare le prestazioni dei nostri gasoli».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui