Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

IPER – Il nuovo centro commerciale sorgerà vicino alla Tangenziale

IPER – Grande 8mila metri quadri, ospiterà un Iperlando

COMMERCIO Nell’area sono già presenti i big della grande distribuzione. Circondato dal verde, pronto in 2 anni

Un nuovo centro commerciale da 7.990 metri quadrati e 400 posti auto, nell’area compresa fra la tangenziale di Mestre e le vie Caravaggio, Borgo Pezzana e Bella. Circondato da 25mila metri quadrati di alberi e verde, che funzioneranno da «filtro» per i residenti, e da cinque bacini d’invaso per la compatibilità idraulica. Il progetto commissionato dalla società padovana Terraglio Spa e funzionale all’apertura di un IperLando (che andrà ad aggiungersi alle altre megastrutture di vendita già esistenti in zona Aev Terraglio) è stato illustrato ieri a Cà Farsetti dagli architetti Daniele Agnolon e Filippo Nicoletto e dall’ingegner Germana Bodi, in rappresentanza degli studi professionali Endrizzi e Cs Works.
E a questa prima seduta di commissione, preparatoria alla valutazione d’impatto ambientale, ne farà seguito un’altra, per le osservazioni dei consiglieri comunali.

Durante la loro illustrazione, Agnolon, Nicoletto e Bodi hanno precisato che il progetto è conforme alla pianificazione regionale, provinciale e comunale, e che l’area dove sorgerà l’IperLando non è soggetta a vincoli idrogeologici o paesaggistici, né d’interesse archeologico o storico.

«Il problema della zona abitata da sei famiglie a sud, in via Caravaggio, è stato risolto con l’acquisizione di case e terreni da parte di Terraglio Spa: tre si sposteranno in via Borgo Pezzana, in nuove abitazioni, e altrettante hanno preferito un corrispettivo in denaro per trasferirsi altrove – hanno aggiunto – Inoltre, per evitare problemi di traffico sulla rotatoria Castellana, le entrate e le uscite non saranno una ma due: in via Caravaggio e in via Bella. E il complesso sarà circondato da alberi e spazi verdi, pensati come “filtro” per i residenti in via Borgo Pezzana”.

Il nuovo centro commerciale si svilupperà in un’area di complessivi 12mila metri quadrati: quasi 8mila per lo spazio vendita e i rimanenti impiegati per il parcheggio all’aperto da 400 posti auto (cui se ne potrebbero aggiungere 600, qualora Terraglio Spa volesse procedere nella stessa zona alla realizzazione di un centro direzionale). Tempi di cantiere, dalla conclusione dell’iter di approvazione, da un anno e mezzo a due anni.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui