Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Venezia. Mantovani, commissione a vuoto.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

20

set

2013

POLITICA & INCHIESTE – Liti e dubbi fanno hanno fatto saltare la riunione

I rapporti intrattenuti tra l’amministrazione comunale, il gruppo Mantovani e il Consorzio Venezia Nuova non sembrano più appassionare i consiglieri comunali come qualche mese fa. Ieri, dopo una lunga pausa a causa della delibera sul casinò, sono ripresi i lavori, ma in modo molto stanco, quasi trascinato.

Se nella prima seduta si è dibattuto sulla “scaletta” dei lavori e se questa dovesse essere proposta dai consiglieri o dal presidente, ieri è andata di scena una replica. In programma c’era l’audizione del sindaco Giorgio Orsoni, il quale però si trovava a Roma per presentare il dossier di candidatura per la Capitale europea della cultura nel 2019. Così è stata disposta l’audizione del direttore dei Lavori pubblici Manuel Cattani.

Prima, però, la commissione ha dato un poco confortante spettacolo impiegando quasi un’ora in uno sterile dibattito sull’opportunità o meno di firmare il verbale della seduta precedente. A proporlo è stato il presidente Luca Rizzi, Pdl, contro il quale si è scagliata una valanga di consiglieri di maggioranza i quali hanno garantito e giurato che mai si è proceduto in quel modo. Ennio Fortuna ha suggerito di adottare quella pratica poiché la commissione non è ordinaria. Renzo Scarpa ha chiesto anche la registrazione delle sedute.

Si è quindi aperto un siparietto tra Rizzi e Beppe Caccia (In Comune) che ha attaccato duramente il presidente anche con toni poco edificanti accusandolo di dilatare i tempi della commissione senza proporre ancora un elenco delle audizioni. Gianluigi Placella (M5S) ha difeso l’impostazione data da Rizzi sui verbali in nome della trasparenza e si è sentito dare della “ruota di scorta del Pdl”. Ne è scaturito un reciproco scambio di accuse al termine del quale Caccia se n’è andato.

Il tempo riservato a Cattani è stato quindi residuale e senza le domande più opportune. Chiamato a rispondere sul palazzo del Cinema del Lido, Catani ha ribadito che la stazione appaltante era lo Stato e non il Comune e che comunque la Mantovani non era presente nell’associazione di imprese che si era aggiudicata l’appalto.

Insomma, se l’inizio è questo, pare abbastanza evidente che lo slancio iniziale, in seguito ai primi arresti eccellenti, sia andato perduto.

M.F.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui