Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

SCORZÈ – Il progetto della variante alla Noalese, primo stralcio secondo lotto, è stato pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione (Bur). Dunque un passo in avanti non da poco per l’opera, che prevede un collegamento da via Milano a via Boschi, tutto il territorio di Scorzè (tangenziale sud) e che a breve sarà messo a bando. Anche la precedente soluzione, da via Mestrina a Noale a via Volta a Scorzè era stata messa nel Bur e poi le cose mutarono, tanto da cambiare il tracciato e scatenando le proteste di Salzano. Stavolta, però, sembra che le cose possano prendere una piega diversa. «Lo considero un passo molto importante», commenta il sindaco Giovanni Battista Mestriner, «ed è un risultato atteso dai nostri cittadini. Ci auguriamo che le fasi successive siano compiute con celerità, per arrivare al progetto esecutivo e alla soluzione dei problemi ancora non risolti». Da Scorzè si è sempre detto e sostenuto che questa strada debba essere realizzata entro la fine dei lavori del casello del Passante a cavallo del fiume Dese, prevista fra poco più di un anno. Per il cantiere, si useranno i 12 milioni di euro messi sul piatto dalla Regione per la vecchia soluzione, da via Mestrina a via Volta, ma poi dirottati sul nuovo progetto approvato. La tangenziale sud avrà due corsie e quattro rotatorie: su via Milano, via Boschi (questa già esistente), più via De Gasperi e via Volta (zona via Olmara). Su via Milano e via De Gaspari, il rondò avrà due corsie e un diametro interno di 50 metri, quello in via Volta, stesso diametro ma a tre corsie. Da via Boschi, al confine con Martellago, ci sarà la strada d’innesto al casello dell’autostrada, dove i lavori hanno preso il via a inizio 2013.

Alessandro Ragazzo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui