Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Sicurezza del Brenta a Bojon

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

21

set

2013

MANIFESTAZIONE DEI SINDACI

I bikers scorteranno i primi cittadini della Riviera e della Saccisica

CAMPOLONGO. Ci saranno anche i bikers stamattina alla manifestazione per la sicurezza del fiume Brenta che si terrà sopra il ponte di Bojon alle 10. I bikers della frazione di Bojon scorteranno i sindaci della Riviera e della Saccisica all’evento organizzato dal comitato Brenta Sicuro. Hanno dato la loro adesione i primi cittadini di Campolongo Maggiore, Camponogara, Fossò e Stra nel Veneziano, Piove di Sacco, Vigonovo e Sant’Angelo di Piove nel Padovano.

La manifestazione è stata pensata per porre l’attenzione sul degrado del corso d’acqua. Dal rilevamento fatto un anno e mezzo fa si è verificato che dal dissesto sono interessati circa 1600 metri di sponda sull’argine sinistro e 1800 sull’argine destro, ovvero il 40-45% della tratta arginale presa in considerazione, che è pari a circa otto chilometri.

Intanto una risposta a queste richieste arriva dall’assessore regionale Maurizio Conte «La situazione relativa alla sicurezza degli argini del Brenta», spiega Conte, «così come viene prospettata dal Comitato Brenta Sicuro e da alcuni amministratori della Riviera, è conosciuta dagli uffici della Regione.

Gli interventi necessari per la messa in sicurezza del territorio interessato sono tra quelli da fare il prima possibile. Sono stati inseriti nei prossimi piani di finanziamento».

Per quanto riguarda i fontanazzi, assicura Conte, «si tratta per lo più di infiltrazioni di campagna su cui il competente Genio Civile sta già predisponendo uno apposito studio per la progettazione delle opere più adeguate».

«Le risorse che la Regione può mettere in campo», aggiunge Conte, «non sono illimitate. Gli interventi da effettuare sono molti e vengono effettuati in progressione mano a mano che le risorse si rendono disponibili».

(a.ab.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui