Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Il tracciato Tav “sbagliato”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

22

set

2013

PRESIDENTE Luca Zaia

Zaia: «Roma non finga, sapevano tutto»

PADOVA – «L’azione della Regione è chiara: noi siamo a favore della proposta di Bortolo Mainardi, è poco ma sicuro. Lo abbiamo scritto e detto in più occasioni, c’è stata una risoluzione in Consiglio regionale, ci sono espressioni della Sovrintendenza e del mondo ambientalista. E a Roma ci dicono che non sapevano nulla? Va bene, glielo scriveremo nuovamente, chiediamo venia per non averglielo scritto troppe volte».

L’ha detto il governatore del Veneto Luca Zaia, a Padova per l’inaugurazione di ExpoBici, in merito al progetto per l’alta velocità ferroviaria tra Mestre e Trieste. La precisazione si deve alla notizia che la Valutazione di impatto ambientale per l’opera sarebbe stata data al progetto “sbagliato” quello del “tracciato litoraneo” che lambisce la laguna. Progetto miliardiario e contestato dai comuni. Mentre l’alternativa Mainardi prevede l’efficientamento della linea ferroviaria esistente.

«Noi vogliamo riqualificare il vecchio sedime della ferrovia, salvaguardando gli attraversamenti dei centri abitati con opportune gallerie – ha continuato – ma siamo assolutamente per riqualificare una ferrovia che oggi utilizza solo il 40 per cento delle sue possibilità. Ben venga quindi il lavoro di Mainardi, lo sposo fino in fondo ed è scandaloso che Roma continui ad agire su un progetto litoraneo che ormai è stato categoricamente bocciato da tutte le amministrazioni comunali».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui