Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

 

Interrogato il pilota della Carnival transitata in Bacino San Marco il 27 luglio

Sentito anche il comandante del vaporetto che è passato a poca distanza

Hanno interrogato il pilota del vaporetto «stretto» tra la «Sunshine», che il 27 luglio scorso si sarebbe pericolosamente avvicinata a Riva 7 Martiri, e la terra; hanno acquisito le dichiarazioni del pilota del Porto che era nella plancia di comando della nave da crociera; hanno sequestrato il video girato dalla telecamera posta sul tetto della palazzina del Cnr. Ad indagare sono gli uomini del Corpo forestale dello Stato della procura della Repubblica ai quali il pubblico ministero Francesca Crupi ha delegato gli accertamenti dopo aver ricevuto l’esposto del Codacons per il reato di inosservanza di norme sulla sicurezza della navigazione e il controesposto del Comitato Cruise Venice per procurato allarme e simulazione di reato.

Grazie agli accertamenti degli investigatori sono già state acquisite alcune certezze. Innanzitutto, è vero che la nave si è avvicinata più del solito a Riva 7 Martiri, rimanendo comunque a 72 metri, come rilevato dalle segnalazioni satellitari.

Il pilota del Porto avrebbe spiegato alla Capitaneria di Porto di aver accostato di una decina di metri rispetto alla rotta solitamente seguita in centro del canale perché c’era in arrivo un ferry boat dell’Actv diretto al Lido e quindi in direzione opposta alla nave.

Agli uomini della Forestale, il pilota del vaporetto che sarebbe stato stretto tra «Sunshine» e la Riva e che è ben inquadrato dalla telecamera, avrebbe riferito di non essersi sentito in alcun modo in pericolo, anche perché stava accostando per attraccare all’imbarcadero dell’Arsenale, trattandosi della linea numero 1, quindi sarebbe stato piuttosto distante dalla nave che stava entrando in Porto. Non esiste alcuna norma che dispone una distanza minima di sicurezza che le imbarcazioni grandi o piccole devono mantenere nel canale che dal Lido porta alla Giudecca, ma gli esperti sanno che, ad esempio, all’altezza di piazza San Marco è pericoloso accostarsi alla Riva anche perché il fondale si alza ed il canale diventa meno profondo. Ora toccherà al pubblico ministero valutare se quello scarto di dieci metri verso la riva abbia concretizzato una violazione rispetto alla sicurezza della navigazione, ma è probabile che sulla base delle considerazioni della Capitaneria di Porto, questo non accada. Per il momento la legge sembra essere dalla parte della Carnival. Il Codacons, nell’esposto, aveva chiesto «di accertare i fatti denunciati, aprendo un’indagine per attentato alla sicurezza dei trasporti e pericolo di naufragio, e di accertare le responsabilità non solo della Carnival, ma anche della Capitaneria di Porto». Mentre il Comitato Cruise Venice ha scritto di un allarme definito «un imbroglio, un caso artificiosamente creato, evocando la tragica disgrazia della Costa Concordia».

Giorgio Cecchetti

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui