Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Tav alla conferenza dei sindaci.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

25

set

2013

 

Il caso verrà discusso nell’incontro di lunedì prossimo a Portogruaro

SAN DONÀ – Tav, il tratto Venezia-Trieste sarà sul tavolo dei sindaci del Veneto Orientale. Integrato l’ordine del giorno della conferenza, convocata per lunedì a Portogruaro. Tra i punti in discussione, il progetto di linea ferroviaria ad alta velocità/alta capacità tra Venezia e Trieste. L’integrazione è stata decisa all’indomani dell’avvio del procedimento di Via del Ministero dell’Ambiente sul progetto che però è riferito all’ipotesi di tracciato litoraneo, nonostante questa sia stata da tempo rifiutata.

Un tracciato già contestato dai Comuni, che nei giorni scorsi è stato criticato anche dagli amministratori del Trevigiano, oltre che dal sindaco di San Donà, Andrea Cereser, e dal deputato dell’M5S, la sandonatese Arianna Spessotto.

«Evidentemente al Ministero non è mai stato comunicato il rifiuto, condiviso da tutti, all’ipotesi di tracciato basso», spiega Andrea Cereser, «questo ci riporta all’anno zero, a dover ribadire il no del territorio a un’ipotesi costosissima e devastante dal punto di vista ambientale. Occorre che i sindaci mostrino di nuovo unità, al di là degli schieramenti politici, anche per richiedere che la Regione chiarisca urgentemente con il Ministero quale è l’opinione condivisa del territorio, perché è impensabile che due anni di dibattito serio e condiviso su una questione cruciale vengano semplicemente ignorati».

Il sindaco Cereser, dunque, chiama a raccolta tutti i sindaci del Veneto Orientale perché siano compatti nel ribadire il loro no alle decisioni assunte a Roma. Sull’argomento adesso interviene anche il deputato leghista Emanuele Prataviera che rassicura: «Ho parlato con Zaia, il governatore ha ribadito che saranno rispettate le volontà espresse dal territorio, quindi nessuno speculi sulle paure della gente».

(g.ca.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui