Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MIRA – «Troppe discariche abusive a Mira eppure le bonifiche di materiale contenente amianto sono detraibili dal 50%».

A ricordarlo è l’assessore all’Ambiente di Mira Maria Grazia Sanginiti dopo le recenti scoperte nel territorio mirese, soprattutto nelle zone a ridosso dell’idrovia o verso la laguna.

«Sono ancora molte le abitazioni in cui c’è amianto, specie nelle lastre di eternit che ricoprono magazzini e ricoveri di attrezzi – avverte l’assessore – Si rischia una denuncia penale, oltre a pesanti sanzioni. Per questo ricordo che che tra le spese detraibili dall’Irpef ci sono anche quelle per la bonifica dell’amianto. Per il periodo di imposta 2013, la detrazione è pari al 50% delle spese sostenute, con un limite di 96mila euro. Una segnalazione che facciamo molto volentieri specie constatando quanto sia ancora diffuso l’abbandono criminale di lastre di eternit o di materiali contenenti amianto in tanti punti del nostro territorio».

Per informazioni è possibile consultare il sito dell’Agenzia delle Entrate: http://www.agenziaentrate.gov.it

(l.gia.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui