Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

 

Caccia denuncia: pressioni via mail e sms sui dipendenti della crocieristica per partecipare alla manifestazione. Bernardo: solo un invito

VENEZIA – Fronte del porto e grandi navi. Si fa al calor bianco la vicenda che riguarda l’allontanamento delle navi da crociera dal Bacino di San Marco e in particolare la manifestazione che Cruise Venise – il comitato che sostiene i mantenimento del settore della forma attuale in contrapposizione al Comitato No Grandi Navi – ha indetto per venerdì sotto la sede comunale di Ca’ Farsetti per far sentire la propria voce a sostegno della crocieristica dopo la clamorosa protesta di sabato scorso degli ambientalisti.

A smuovere le acque – è il caso di dirlo – è un’interrogazione urgente al sindaco inviata dal consigliere comunale Giuseppe Caccia della Lista “in comune”, che denuncia le pressioni a cui i lavoratori portuali sarebbero sottoposti dai datori di lavoro per essere presenti in massa alla “manifestazione spontanea” del 27.

Caccia denuncia «il fatto che i dipendenti di imprese e società, impegnate nel settore e vincolate a rapporti con Venezia Terminal Passeggeri spa stanno ricevendo in queste ore da parte dei datori di lavoro email e sms indirizzate alle proprie caselle di posta e alle proprie utenze telefoniche personali che “invitano” a partecipare alla manifestazione, diffondendo notizie del tutto false e infondate (se le navi saranno spostate a Marghera “le Compagnie rinunceranno e non ci sarà più lavoro”), ricattando implicitamente ed esplicitamente i lavoratori (“vogliamo vedervi tutti presenti con parenti e amici, è in gioco il nostro e di conseguenza il lavoro”) e pretendendo conferme per iscritto a tale imposizione a partecipare (“mail con richiesta di conferma”)».

«In altri casi – prosegue il testo di Caccia – si garantisce da parte dei datori di lavoro il pagamento della giornata di lavoro a quanti parteciperanno alla protesta (vedi lettera di un lavoratore con copia mail e sms inviato che qui allego: “Ciao il 27 manifestazione in comune ore 11 calcolata come giornata lavorativa! Pagata! Spargere la voce, e darmi gentilmente conferma” ).

Contemporaneamente l’altrettanto “spontaneo” Comitato Cruise Venice sta pubblicando da giorni, sulle pagine delle principali testate giornalistiche locali, annunci pubblicitari a pagamento, che diffondono informazioni non documentate a favore del traffico delle “grandi navi”: sarebbe a tal proposito interessante conoscere, con la massima trasparenza, chi e con quali risorse stia finanziando questa costosissima propaganda».

Di qui la richiesta di Caccia – che denuncia anche il “complice silenzio” dei sindacati sulla vicenda – a Orsoni di attivarsi per fermare le «indebite forme di pressione e condizionamento messe in campo dalla lobby della crocieristica a tutti costi in Marittima» di attivarsi versi le Autorità competenti per fermare questa deriva e ricondurre il dibattito nel merito, sul confronto sui vari progetti alternativi per fare attuazione al divieto di passaggio in Bacino di San Marco e canale della Giudecca.

Replica seccamente il Comitato Cruise Venice con il presidente Massimo Bernardo: «Non è in atto alcuna pressione sui lavoratori portuali per partecipare alla nostra manifestazione, che sarà spontanea. C’è piuttosto una preoccupazione effettiva per il futuro della crocieristica. Quanto alla giornata pagata per essere alla manifestazione, questo riguarda i datori di lavoro. Per quanto di riferisce infine alle nostre pagine pubblicitarie apparse sui giornali, sono state pagate direttamente dal Comitato e non da altri». E intanto una ventina di aziende portuali annunciano per venerdì uno sciopero dalle 11 alle 13 proprio per aderire con i propri lavoratori alla manifestazione di Cruise Venice.

Enrico Tantucci

link articolo

 

LEGGE SPECIALE

Il Senato riprende l’iter

«La Commissione Ambiente del Senato ha avviato l’esame dei disegni di legge sulla salvaguardia di Venezia e della sua laguna: il testo a prima firma del senatore Felice Casson, al quale è associato un analogo testo del senatore De Poli. L’auspicio è che a breve si possa avere una nuova legge speciale per Venezia con l’importante obiettivo, tra l’altro, di riuscire a regolamentare diversamente il passaggio di grandi navi nella Laguna, evitando il loro transito nel canale della Giudecca». Lo dicono i senatori Laura Puppato, e Massimo Caleo. «Il disegno di legge del Pd – proseguono – intende individuare nuovi assetti istituzionali per la pianificazione e la gestione dell’area, utilizzando in modo opportuno gli strumenti fiscali e finanziari, anche attraverso l’utilizzo ‘autonomista’ delle risorse locali finalizzato ad interventi fondamentali quali il disinquinamento della laguna, le bonifiche in sinergia pubblico-privato di Porto Marghera».

 

«Grandi navi, Cavallino decida»

Il comitato chiede che il Consiglio si esprima prima della decisione del Governo

CAVALLINO «Se il Governo deciderà l’1 ottobre sulla presenza delle grandi navi nella laguna di Venezia sarà bene che il Consiglio comunale di Cavallino-Treporti si sia già espresso sull’ipotesi del porto off-shore di Punta Sabbioni».

Il sollecito carico di apprensione arriva dal comitato del litorale “No Grandi Navi a Punta Sabbioni” sull’onda dell’annuncio nazionale del vertice convocato a Palazzo Chigi per l’1 ottobre dal presidente del Consiglio Enrico Letta con il ministro delle infrastrutture Maurizio Lupi e quello dell’ambiente Andrea Orlando per risolvere definitivamente la questione delle grandi navi a Venezia.

Un parere, quello del Consiglio comunale di Cavallino-Treporti sull’ipotesi di un porto per otto grandi navi sul lungomare Dante Alighieri promossa da Cesare De Piccoli, che già è stato anticipato in direzione negativa dai capigruppo delle liste consiliari, ma che, una volta ufficializzato, potrebbe avere il suo peso, visto che il progetto è stato presentato alla commissione comunale urbanistica, ambiente e territorio, proprio per la successiva votazione del consiglio comunale.

«Da un lato fa piacere che la politica nazionale si attivi subito», spiegano dal comitato No Grandi Navi a Punta Sabbioni, «dall’altro ci preoccupa il fatto che il nostro Comune, abbia rinviato a data da destinarsi, l’opinione politica del Consiglio comunale sul progetto del porto. Su proposta del sindaco Orazio, infatti, all’ultima seduta tutti i restanti consiglieri hanno votato per riparlarne più avanti, quando conosceranno meglio nelle sue parti tecniche il progetto. Questa apatia nel non esprimersi da parte del Consiglio comunale, farà sì che l’1 ottobre, sulla scrivania del Governo manchi l’opinione di Cavallino-Treporti. A parole nessuno vuole il porto per le grandi navi, ma che di fatto i politici locali non muovono un dito per evitarlo». «Siamo pronti a inserire la votazione nell’ordine del giorno del Consiglio comunale di domani sera alle 20.30», replica prontamente il sindaco Claudio Orazio, «oppure a convocarne uno straordinario prima dell’1 ottobre se necessario».

Francesco Macaluso

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui