Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

INTERVENTO – Il Consorzio di Bonifica ripristina lo scolo Brentelle a Mira Taglio: un intervento da 900 mila euro

Il Consorzio di bonifica sistema lo scolo Brentelle

Il Consorzio di Bonifica ripristina lo scolo Brentelle a Mira Taglio: un intervento da 900 mila euro che dovrebbe ridurre le tracimazioni e gli allagamenti nella zona. I lavori partiranno nei prossimi giorni e il progetto del Consorzio Acque Risorgiva prevede di spostare l’alveo verso ovest, oltre la condotta fognaria, nel rispetto degli attuali confini di proprietà e senza modificare la morfologia del paesaggio.

«La sezione dell’alveo sarà maggiore rispetto a quella attuale – spiega il direttore del consorzio Carlo Bendoricchio – l’ex sedime, interrato, costituirà la fascia di rispetto nonché la pista di transito per le operazioni di manutenzione da parte del Consorzio di bonifica. Sarà creata anche una piccola scolina di guardia con lo scopo di garantire il drenaggio dei fondi limitrofi».

Il Consorzio informa inoltre che gli attraversi carrai esistenti saranno ricreati sul nuovo alveo garantendo adeguata capacità di deflusso delle acque. Un investimento da 900 mila euro finanziato con risorse della Comunità Europea che finalmente dovrebbe mettere fina alle tracimazioni del Brentelle, particolarmente degradato e ai conseguenti allagamenti.

«Di questo intervento – precisa il direttore Bendoricchio – si parlava già negli anni 80, ma i progetti redatti in quegli anni sono rimasti incompiuti per mancanza di adeguati finanziamenti. Ora che sono state reperite le risorse possiamo finalmente intervenire per sistemare in particolare il tratto tra Mira Taglio e la ferrovia oggi in uno stato di grave degrado a causa anche dei numerosi restringimenti causati dall’azione dell’uomo».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui