Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Noale. Non era tossica la nube della Cosmo.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

29

set

2013

NOALE – Il fumo sospetto fuoriuscito il 17 agosto era stato causato da un problema ad un’elettrovalvola

Da un malfunzionamento di una elettrovalvola a una nube di fumo «sospetta» sopra l’impianto di gestione rifiuti «Cosmo» di via Mestrina. Era il 17 agosto scorso. Tempo pochi giorni e il comitato Ambiente Sicuro aveva presentato un esposto per vederci chiaro. Come mai quella nuvola preoccupante? È stato il dipartimento di Prevenzione e Sanità pubblica dell’Ulss 13 a rispondere, dopo aver effettuato un sopralluogo nell’impianto il 5 settembre scorso.

L’inconveniente, come si legge dal rapporto dell’azienda sanitaria, «è stato causato dal malfunzionamento di una elettrovalvola del sistema di caricamento dell’impianto di cogenerazione». Nessun valore oltre i limiti di legge, dunque. Solo fumo «visibile» perché scaturito dal materiale di combustione, a quanto pare legna, a una temperatura inferiore al solito. Il malfunzionamento dell’elettrovalvola, che si sarebbe verificato in modalità simili anche il 6 agosto, ha comportato un sovraccarico di materiale da bruciare, che di conseguenza si è raffreddato. A ruota quindi si è abbassata anche la temperatura «dell’olio diatermico all’uscita della caldaia – recita il rapporto – causando il blocco del filtro elettrostatico che ha permesso la fuoriuscita dei fumi segnalati nell’esposto».

Il Dipartimento di Prevenzione dell’Ulss 13 ha quindi suggerito ai tecnici dell’impianto di aumentare la frequenza di controlli all’elettrovalvola, che sarà sostituita, indipendentemente dallo stato di efficienza, non più ogni dodici mesi, come previsto dalle specifiche tecniche dell’impianto, ma bensì ogni sei. Nello stesso tempo, inoltre, verrà abbassata la «soglia di avviso», in modo da evitare che il sistema vada in blocco.

«Con l’adeguamento dell’impianto – spiega l’assessore all’Ambiente Renato Damiani – non dovrebbe più accadere nulla di tutto ciò. La ditta stessa avrà infatti l’obbligo di analisi dei fumi in uscita dai camini ventiquattro ore su ventiquattro».

Gabriele Vattolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui