Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MIRANO – Il consorzio di bonifica Acque Risorgive interviene per il consolidamento e la messa in sicurezza dei tratti franati in vari argini del Miranese.

Tra i lavori in programma, per una spesa complessiva di 450mila euro, c’è anche il ripristino di circa 400 metri di argine del fiume Muson Vecchio nei comuni di Salzano e Mirano.

I tecnici del consorzio interverranno riportando le quote degli argini a valori tali da consentire il contenimento delle acque, i tratti franati saranno invece messi in sicurezza con la posa di pali e rocce.

«La sicurezza idraulica del territorio – spiega il direttore del consorzio Carlo Bendoricchio – si garantisce non solo con le grandi opere ma anche con gli interventi di manutenzione. In questo caso si tratta di sistemare alcuni tratti dei corsi d’acqua che nel recente passato sono stati compromessi dalle onde di piena causate da eventi alluvionali».

(g.pip.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui