Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

 

L’iper ha abbassato le serrande lunedì e riaprirà a Castrette

A rischio i trenta posti di lavoro di Grancasa e gli altri negozi

VILLORBA. Parco commerciale Willorba addio. Lunedì 7 ottobre il Panorama ha abbassato le serrande in via Pacinotti e le riaprirà il 24 ottobre a Castrette in via della Cartiera. Da due giorni lo scenario del parcheggio deserto lascia sconsolati; in primis chi ancora ci lavora, ma anche gli amministratori locali e i cittadini. I problemi che ora si pongono sono principalmente due: come salvaguardare l’occupazione di chi ancora lavora nel parco commerciale, e cosa fare di un’area che progressivamente sarà inevitabilmente abbandonata. I primi a rischiare sono i 30 lavoratori di Grancasa. La proprietà ha già annunciato un piano di ristrutturazione, ma in che cosa consista ancora non si sa. Si va dalla chiusura alla riduzione del personale. I lavoratori si sono detti disponibili anche a firmare un contratto di solidarietà purché nessuno venga licenziato. Ma che Grancasa possa restare a lungo nel parco commerciale non sembra realistico. I conti con l’addio dell’unico punto vendita che faceva da traino dovranno farli anche Pittarello, la catena del made in China Ina Market, e gli altri negozi di dimensioni minori. Molto dipenderà dalla strategia che si sceglierà per quell’area, sempre che ci siano delle idee per via Pacinotti.

Le opzioni sono tre: rilanciarla, dimenticarla o riqualificarla. Il sindaco Marco Serena ha lanciato un’idea ambiziosa, che in molti non hanno esitato a definire irrealizzabile. Il progetto consisterebbe nel trasferimento di tutte le attività dell’area commerciale a Castrette, nell’area tra lo stabilimento Maber e il confine con Spresiano, demolendo in via Pacinotti i capannoni e i parcheggi vuoti per lasciare spazio ad un parco. Un progetto che potrebbe stare in piedi solo con un intervento di capitali privati, e con una serie di agevolazioni fiscali. Le premesse non ci sono. Anche l’ipotesi del rilancio purtroppo ha una zavorra pesantissima, ovvero il fatto che quel parco commerciale non è mai riuscito a decollare veramente. Resta la terza opzione: che venga lasciato a sè stesso. Intanto tra il 24 ottobre ci sarà l’inaugurazione del nuovo Panorama a Castrette, dietro agli stabilimenti della Benetton. Nello stabile ci sarà anche una galleria commerciale da 22 negozi, tra cui dovrebbe entrare H&M, il secondo punto vendita in provincia dopo quello al Konè di Conegliano.

Federico Cipolla

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui