Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MIRANO – È partita l’iniziativa sperimentale di lavaggio delle stoviglie scolastiche al posto dell’uso di piatti e posate in plastica. La novità riguarda le scuole Alighieri, Azzolini e Petrarca. Il Comune ha diffuso in questi giorni i numeri dell’iniziativa, che va nel segno di una minor produzione di rifiuti.

In realtà il progetto comporta un costo economico non trascurabile, 25.250 euro solo per quest’anno sperimentale, ma allo stesso tempo permetterà di abbassare significativamente l’impatto ecologico del sistema di refezione scolastica, considerato anche il fatto che la plastica dei piatti usa e getta, essendo sporca, non è riciclabile.

Progetto condiviso anche dalla Regione, che di recente ha deciso un contributo economico agli enti e associazioni che utilizzano nelle mense stoviglie lavabili. Ovviamente Mirano ha subito fatto domanda di contributo. In città l’iniziativa riguarda circa 290 alunni per 38.276 pasti annui alla Azzolini, 250 alunni per 23.848 pasti alla Alighieri e 190 alunni per 10.791 pasti alla Petrarca, per un totale di 730 alunni e 72.905 pasti annui.

Nella sua organizzazione il Comune si avvale della collaborazione della società partecipata Serimi, che gestisce il servizio mensa e si occupa del trasporto dei piatti da e per il luogo di lavaggio, il detersivo e la manutenzione delle lavastoviglie di proprietà del Comune, accentrate nei plessi Azzolini e Petrarca. In questo servizio il Comune non avrà aggravi di spesa, in quanto Serimi prevede che siano gli 8.900 euro risparmiati per l’acquisto delle stoviglie usa e getta a compensare i nuovi costi. Ad occuparsi del lavaggio delle stoviglie saranno invece i volontari dell’associazione “Bambini di Chernobyl”, che riceveranno un compenso di 10 euro per ogni ora di attività.

(f.d.g.)

link articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui