Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Grano sulla terra di Veneto City.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

13

ott

2013

 

Pianiga. La manifestazione di Opzione Zero e degli altri comitati ambientalisti 

PIANIGA – Un centinaio di persone ieri mattina ha partecipato alla manifestazione “Seminiamoli”, organizzata dai comitati Opzione Zero contro Veneto City in occasione della giornata nazionale in difesa dei territori e dei beni comuni.

«Abbiamo voluto seminare di grano e altre erbe utili all’uomo il campo in cui sarà costruita la torre di Veneto City più alta», spiega Mattia Donadel, portavoce del comitato Opzione Zero, «la semina collettiva di grano proprio nei pressi di Veneto City è stata voluta per ribadire che dalla terra viene il pane, dal cemento solo fame».

Nel campo che è stato arato e seminato sono stati piazzati anche degli spaventapasseri per evitare che proprio gli uccelli vadano a mangiare le sementi appena sparse».

Alla mobilitazione hanno partecipato altri comitati della provincia come i No Grandi Navi o l’Assemblea contro il rischio chimico di Marghera, ma anche associazioni come Mani Tese, Mira 2030, Legambiente Riviera, associazioni e piccole aziende del mondo agricolo come la Rete Veneziana di Genuino Clandestino: per l’occasione nonostante la pioggia hanno allestito uno spazio per lo scambio autogestito di prodotti biologici e solidali.

«È stata un’occasione importante», ha detto Rebecca Rovoletto, del comitato Opzione Zero, «per unire finalmente i movimenti che si battono per la difesa dei territori».

A vigilare che tutto si svolgesse nel rispetto dell’ordine pubblico c’erano carabinieri e vigili urbani.

Alessandro Abbadir

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui