Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

«La classe politica deve assumere un ruolo di arbitro per una soluzione più vantaggiosa per la Tav».

Il comitato che si oppone al quadruplicamento della linea Venezia-Trieste scende nuovamente in campo.

«Mi aspetterei», spiega Paolo Perissinotto del comitato di San Donà contro il quadruplicamento della linea Venezia Trieste, «in questa fase di stagnazione economica, posto che la Tav/Tac non rappresenta in questo momento una priorità, e viste le criticità del tracciato litoraneo, un interessamento degli amministratori del territorio. Lo riteniamo sulla base di dati tecnici oggettivi e criteri di valutazione omogenei, e condivisi da tutti i soggetti interessati, compreso le popolazioni coinvolte, che spesso non si sentono adeguatamente rappresentate neppure dai propri amministratori locali. Questa, a nostro avviso, è la sfida che hanno ora davanti le amministrazioni interessate. Vedremo se sapranno effettivamente smarcarsi dal mondo di certezze preconcette e posizioni e soluzioni già confezionate che continuano a propinarci e, viene il sospetto, create ad uso e consumo di particolari attori politici ed economici».

(g.ca.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui