Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Lettera aperta di Italia Nostra al presidente del “World Monument Fund”

Oggi il sindaco vedrà a New York il capo dell’ente che ha posto Venezia tra i siti a rischio

Lettera aperta di Italia Nostra veneziana al presidente del World Monument Fund – l’organismo che ha appena inserito Venezia tra i 67 diti mondiali a rischio per la sua sopravvivenza a causa del turismo – Bonnie Burnham che oggi incontrerà a New York il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni «per cercare di arrestare gli effetti negativi creati nei media dall’annuncio di quell’inclusione», si legge nel testo inviato dal presidente Lidia Fersuoch e votato dal Consiglio direttivo dell’Associazione.

«Il sindaco Orsoni – scrive Italia Nostra al presidente del World Monument Fund – cercherà probabilmente, come ha fatto in altre occasioni, di negare che Venezia corra il rischio di perdere la sua anima e la sua identità a causa dei flussi turistici eccessivi. La sua amministrazione ha cercato con ogni mezzo di accrescere quei flussi, e ha spesso sostenuto che, anche se il centro della città è sicuramente superaffollato, vi sono ancora delle aree dove s’incontrano pochi turisti (le stesse aree che dovrebbero forse essere salvate, e che lui vorrebbe vedere a loro volta invase).

A causa del turismo di massa molti appartamenti in città non sono più offerti in affitto ai residenti ma stanno trasformandosi in estensioni degli alberghi esistenti, per essere affittati alla giornata o alla settimana. I negozi di vicinato stanno scomparendo, le tradizioni e la cultura locale stanno sparendo.

Non si può più gustare la bellezza della città perché essa è sopraffatta dall’eccesso di folla, mentre le acque della Laguna, un tempo tranquillissime, sono in perpetuo sconvolgimento».

Italia Nostra indica anche alcune misure possibili: «Riteniamo che si possa iniziare con il porre un limite al numero di viaggi organizzati. Ogni giorno gli operatori turistici fanno sbarcare a Venezia una media di 50 mila turisti in gruppi da trenta a cinquanta persone. Noi riteniamo che quei gruppi debbano essere obbligati a prenotare in anticipo e ammessi solo in quantità sostenibili dalla città Scriviamo questo messaggio perché riteniamo che sotto l’amministrazione Orsoni la città di Venezia sia stata spinta verso estremi drammatici. Il numero di turisti è aumentato da 20 milioni l’anno a oltre 30. Più di 1.200 volte le gigantesche navi da crociera hanno solcato la Laguna».

(e.t.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui