Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

FOLLINA. Dalla contrapposizione al confronto. Per prima tra le 15 amministrazioni dell’area del prosecco Docg, la giunta Tonin sceglie la via del dialogo con gli ambientalisti ed accetta la sfida di un percorso congiunto.

Comune di Follina e Wwf AltaMarca organizzeranno così un’assemblea pubblica per affrontare insieme il tema dei pesticidi, ma soprattutto per capire con i diretti interessati (gli agricoltori) quanto è realmente percorribile per i vigneti della pedemontana la prospettiva del biologico.

L’appuntamento è già fissato per venerdì 25 ottobre, alle 20.30, nell’auditorium San Giuseppe, con la presenza tra gli altri di Giacomo Toffol (pediatra), Giuseppe Morosin (apicoltore) e Ruggero Mazzilli (agronomo del bio-distretto del Chianti).

«Dai cittadini continuano ad arrivare richieste di informazioni e chiarimenti sui riflessi negativi dei trattamenti fitosanitari», spiega il vice sindaco Diego Dall’Antonia, «e pure noi amministratori vogliamo saperne di più per tutelare la salute pubblica e l’ambiente. Basta con le posizioni di parte, cerchiamo piuttosto una linea comune per usare meno prodotti chimici».

Un percorso non agevole ed immediato, ma che secondo Dall’Antonia permetterebbe di tutelare per primi proprio i viticoltori. «I regolamenti servono, ma la politica della repressione non porta da nessuna parte».

(g.z.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui