Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Posato il ponte della bretella

Sostituisce quello in legno sul Cesenego a Borbiago. Lavori finiti entro l’anno

LA POSIZIONE DEL COMITATO – Ma il comitato aspetta il progetto del sottopasso

Davide Moressa ricorda: «Veneto Strade ha annunciato un incontro nelle prime settimane di ottobre per illustrare ai cittadini il progetto»

A Borbiago è arrivato il nuovo ponte su via Monte Sommo e via Valdarno ma il comitato cittadino aspetta ancora la presentazione del progetto del sottopasso ciclopedonale. È comparso nei giorni scorsi il nuovo ponte metallico che sostituisce il ponte sul Cesenego abbattuto lo scorso aprile. Il nuovo manufatto ha dimensioni maggiori e rientra negli interventi complementari alla realizzazione della bretella di collegamento tra la Regionale 11 – Brentana, all’altezza del ristorante Il Burchiello a Oriago, e l’incrocio con via Giovanni XXIII di Borbiago per proseguire fino al casello autostradale Mira – Oriago.

Durante l’ultimo incontro tra l’assessore ai Lavori Pubblici Luciano Claut e l’ingegner Costantini di Veneto Strade, l’impresa si è impegnata a concludere i lavori entro fine anno, per porre termine il prima possibile ai continui disagi degli automobilisti costretti a scegliere come viabilità alternativa le strettissime e inadeguate via Boldani a Borbiago o via Risato Bellin a Oriago.

Nessuna novità invece per quanto riguarda il sottopasso ciclopedonale di Borbiago chiesto a gran voce dal comitato di cittadini di Borbiago e Oriago per impedire che la Bretella tagliasse in due le comunità delle due frazioni.

«A fine settembre – commenta Davide Moressa portavoce del comitato – Veneto Strade ha presentato il progetto all’assessore Claut annunciando che entro le prime settimane di ottobre sarebbe stato illustrato anche ai cittadini in un incontro pubblico. A maggio – ricorda Moressa – abbiamo raccolto in poche settimane circa 2.000 firme per chiedere il sottopasso e a giugno abbiamo organizzato una vistosa manifestazione con sindaco e parroco, uno in bicicletta l’altro in carrozza, lungo le strade per sostenere la nostra proposta. Nonostante le assicurazioni di veneto Strade all’assessore Claut però – conclude Moressa – non abbiamo saputo più nulla e ormai siamo praticamente a fine ottobre».

I cittadini vogliono infatti conoscere quali saranno i costi (inizialmente, infatti, sembrava che il sottopasso avesse costi insostenibili) ed i tempi di realizzazione. I lavori dovrebbe interessare il lato nord, ovvero nel lato strada dove si trova l’Iper-Drink.

Luisa Giantin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui