Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Oriago, discariche a cielo aperto.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

20

ott

2013

 

La denuncia di un gruppo di residenti preoccupati per la presenza di eternit

ORIAGO – Discariche a cielo aperto a Oriago sulla strada provinciale 81 ( camionabile) appena fuori dal casello di Oriago sulla A 4 e a ridosso dell’idrovia Padova Venezia. A denunciare la situazione sono un gruppo di residenti e Guerrino Manente, referente a Mira della formazione Fratelli D’ Italia.

«Si è ormai trasformata in discarica a cielo aperto», spiega una decina di residenti in via Ghebba, «la strada che dal casello Oriago arriva alla rotonda di Marghera. Appena fuori dal centro della frazione mirese, ad ogni piazzola, si trova di tutto anche per i camion che fanno sosta e agli incivili che non usano gli ecocentri e scaricano i televisori e materassi pneumatici cartoni e mobilio usato. Non se ne può più. Cosa fanno i vigili del Comune di Mira e gli ispettori di Veritas?

Manente ha deciso di sostenere la protesta e, insieme ai residenti, ha pensato di presentare un esposto denuncia alle forze dell’ordine e alla Procura per sversamento di rifiuti abusivo.

«Fra quei rifiuti», chiosa Manente, «vi sono anche lastre di eternit con amianto sperso nel terreno. È opportuno intervenire per bonificare l’area». Stessa situazione, da alcuni giorni, ai lati della Brentella Mira Lanza lungo l’argine dell’Idrovia accanto alle chiuse di Piazza Vecchia con mobilio ed eternit dappertutto.

Alessandro Abbadir

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui