Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

l’intervento

Franco Miracco

Quando una statistica può far male con il certificare dati completamente sballati e che possono indurre a illusioni o aspettative senza fondamento alcuno, quindi notizie non vere, a tutto danno, per esempio, di chi vive in una città come Venezia. Sono stati resi noti i dati del rapporto Ecosistema urbano 2013 realizzato da Legambiente e da altri e che il più noto quotidiano economico italiano ha puntualmente diffuso. Grandi, medie e piccole aree urbane sono state sottoposte a diversi test che servono a formulare diverse classifiche sulla base di diversi indicatori. Il tutto costituisce infine una pagella finale che si allunga dai migliori ai peggiori in fatto di qualità ambientale.

Ed è così che abbiamo saputo di vivere nella prima città d’Italia a proposito di una buona vivibilità complessiva: aria, acqua, verde,energia, rifiuti, trasporti, ecc. Ma è consentito, è accettabile, è scientificamente corretto sottoporre un sistema urbano tanto complesso, tanto diversificato al suo interno, tanto unico qual è quello veneziano, agli stessi test usati per Bologna o Milano o Palermo? È forse possibile parlare di una città chiamata Venezia quando si vuole confrontare questa città con gli altri “normali” sistemi urbani? Come si fa a non sapere che dentro la grande Venezia ci sono molte altre Venezie radicalmente diverse tra loro? E dunque come si fa a rendere paragonabili tra loro i dati raccolti a Zelarino con quelli della Giudecca o di Sant’Elena? E quello che si respira ai piedi della tangenziale di Mestre è simile o identico a ciò che scende nei polmoni a Sant’Erasmo o a Burano? Suvvia, la complessità territoriale di Venezia è cosa arcinota negli angoli più lontani della galassia ed anche lì si è a conoscenza che, nel dire Venezia, dici centro storico o città antica e poi isole, litorali, laguna, valli da pesca e terraferma. Realtà urbane o territoriali o naturali spesso opposte o pochissimo omologabili tra loro, anche perché in più di un caso uniche rispetto a quanto di norma costituisce il resto dei sistemi urbani del nostro Paese. Allora, è semplicemente risibile se non grottesco inserire una città cosiddetta Venezia in graduatorie del genere.

Pensate, nella pedonalità siamo primi. E lo saremo sempre di più non potendo adesso e domani navigare da una parte all’altra della città su mezzi ormai inavvicinabili, perché stracolmi di soggetti in transito a milioni che ci impediscono fisicamente di salire sui vaporetti, rendendoci in tal modo pedoni in eterno e all’infinito tra Piazzale Roma e il mondo. Tornando per una volta ancora all’assurdità di quel rapporto, se visto da Venezia, scopriamo che, essendo pedoni e naviganti fin dalle origini della città, siamo di conseguenza primi nello scarso uso delle auto. Non è uno scherzo, è proprio questo che afferma il rapporto, che ci pone, udite udite, al quinto posto nella raccolta differenziata. Al quinto posto una città i cui plateatici, i cui campi e campielli, vengono lavati e ripuliti soltanto dalle piogge o dalle acque alte? Al quinto posto una città dove basta un poco d’acqua alta per vedere abbandonati ovunque migliaia e migliaia di sacchi e sacchetti di immondizie, che sono il disgustoso pasto di gabbiani divoratori e diffusori eccezionali di sporcizie? Al quinto posto nella raccolta dei rifiuti una città che è tornata ad essere un merdaio a causa di cani in visita e del tutto ignari o indifferenti di regole e consuetudini civili in uso fino a qualche anno fa. Finiamola qui e fingiamo pure di non sapere come si vive a via Piave e dintorni, tra la stazione ferroviaria di Mestre e certe strade di un altrove di terraferma assai difficile quando non drammatico. In definitiva, non vengono contemplate da quel rapporto alcune nostre piaghe sociali e ambientali immense, quelle causate da milioni e milioni di migranti, soggetti inconsapevoli di un “turismo” devastante che causa un inquinamento sociale e culturale che non ha eguali in Italia e, forse, anche nel resto del pianeta. Decine e decine di milioni di “visitatori” hanno già modificato il nostro stile di vita e a breve ,quando cioè ci accorgeremo che l’invasione dei “visitatori” sarà diventata ancora più inarrestabile, permanente e quindi, in un certo senso, odiosamente aggressiva, non sapremo che farne delle Chiese chiuse o aperte, dell’Arsenale demilitarizzato, delle Biennali, delle Fenici, della speranza di scoprire se ci sia ancora una corte, una calle, un ponte da cui, in silenzio e da soli, immaginare su di un intonaco o in una nuvola le frontiere di una città misteriosa. A quel punto di quale pagella saremo al primo posto?

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui