Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Eraclea, “Per Valle Ossi ci sono i soldi?”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

13

nov

2013

CONSIGLIO PROVINCIALE

Valle Ossi, il progetto deve essere sostenibile dal punto di vista finanziario e ambientale. Lo chiederà il Consiglio provinciale, che intanto ieri ha votato all’unanimità 27 osservazioni al progetto «Laguna del Doge», della Numeria SGR Srl, che prevede la costruzione di una mega darsena da 1350 posti barca, un campo da golf da 18 buche e strutture ricettive e residenziali a ridosso della Laguna del Mort.

Sotto il profilo ambientale, si chiede maggiore attenzione al rischio idraulico, ma anche approfondimenti sullo sviluppo idraulico della nuova darsena, soprattutto in favore del ricambio delle acque. Si chiedono poi interventi in favore della mitigazione delle fonti rumorose e luminose, vista la vicinanza di un’oasi, oltre all’utilizzo di fonti rinnovabili, che rendano l’intero complesso il più possibile autosufficiente.

Oltre alle osservazioni, il Consiglio provinciale intende spedire in commissione Via Regionale (ultimo passaggio prima del via libera al progetto) anche due ordini del giorno. Si tratta di due richieste destinate a mettere chiarezza nella vicenda. La prima è contenuta in un ordine del giorno di Diego Vianello (Gruppo Misto). Il documento, letto ieri in Consiglio provinciale, chiede che venga valutata la sostenibilità finanziaria del progetto. Per la serie: i soldi ci sono?

«Non ho pregiudizi nel progetto – spiega Vianello – ma chiedere la fondatezza del piano finanziario eviterà che magari, un giorno, si rimanga con un buco vuoto e nient’altro. Insomma, si chiede di considerare la sostenibilità economica come elemento di sostenibilità ambientale, per evitare che si ripetano situazioni già viste».

Con ogni probabilità, la richiesta di Vianello andrà ad integrare la memoria sul progetto di Valle Ossi elaborata dal Pd, nella quale si mette in luce che il progetto «Valle del Doge» è fratello stretto di altri due progetti che si chiede di realizzare a Jesolo e Caorle, comuni limitrofi.

Oltre a questo, spiega Renato Martin, capogruppo del Pd in Consiglio provinciale, «Abbiamo espresso delle perplessità perché si tratta di un progetto con previsione urbanistica vecchia, che oggi andrebbe rivisto nell’ottica degli altri due progetti simili». I due documenti verranno votati probabilmente durante il prossimo Consiglio provinciale.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui