Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Dolo. Sanita’, “occupato” il municipio.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

14

nov

2013

Da lunedì il presidio pacifico di sindaci e cittadini a difesa dell’Asl 13

DOLO – È ufficiale. Partirà lunedì alle 10 nella sala consiliare del municipio di Dolo il presidio istituzionale permanente per chiedere la salvaguardia delle strutture dell’ospedale dolese e dell’Asl 13.

All’insolita forma di protesta, promossa dalla commissione consiliare sull’ospedale di Dolo, sono stati invitati tutti i sindaci, gli assessori e i consiglieri comunali di Riviera e Miranese.

«Abbiamo esteso l’invito ai consiglieri regionali», prosegue il sindaco Maddalena Gottardo, «ai consiglieri provinciali e anche al prefetto. Ovviamente anche tutti i cittadini sono invitati a partecipare».

In questi giorni si stanno programmando le attività da svolgere durante questa “occupazione pacifica” della sala consiliare.

«Sentirò i membri della commissione sanità», prosegue il sindaco di Dolo, «e poi pianificheremo questa iniziativa e la suddivisione dei turni. Sicuramente raccoglieremo le idee e i suggerimenti di chi parteciperà».

Il sindaco ha appoggiato subito l’iniziativa promossa dalla commissione: «Questo conferma che ci siamo e che la commissione ha sempre lavorato in maniera omogenea e uniforme per la difesa e la salvaguardia dell’ospedale di Dolo. È un modo carino, non violento, tranquillo per rimarcare le nostre richieste usando la sede comunale che è la casa cittadina».

Giacomo Piran

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui