Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

LA NOVITA’

Entreranno in funzione il 15 dicembre i treni a orario cadenzato, tappa di avvicinamento al sistema ferroviario metropolitano che dovrebbe entrare in funzione a seguire, e a passi, non appena saranno concluse tutte le stazioni del sistema.

In attesa che il sistema metropolitano funzioni a regime, dal 15 dicembre passeggeri e pendolari potranno avere un primo assaggio di come funzionerà.

Poniamo di essere alla stazione ferroviaria di Mestre: al minuto 03 partiranno i treni veloci per Rovigo, al minuto 19 per Verona Porta Nuova, al minuto 49 per Vicenza, al minuto 54 per Padova. Lo shuttle Mestre-Padova, invece, partirà dal binario giardino al minuto 35 e da Padova rientrerà a Mestre al minuto 53. E sulle tratte regionali più importanti ci saranno treni ogni venti minuti. Dalle sette del mattino alle dieci di sera, tutti i giorni.

Funzionerà così il nuovo orario cadenzato, che la Regione sta ancora limando, e presenterà a breve.

Dal punto di vista tecnico il sistema è stato messo a punto da un ingegnere veronese Domenico Menna, che da due anni con assoluta discrezione ha messo a punto il complesso orario cadenzato.

Che ancora prima di partire, sta già suscitando polemiche, come quelle sollevate da Silvano Checchin, sindaco di Spinea, comune la cui stazione può essere considerata a pieno titolo facente parte del sistema metropolitano mestrino.

Con i nuovi orari dei treni regionali, la stazione vedrà passare tre treni anziché quattro nell’ora di punta del mattino. In città infatti, nella fascia oraria 6.55-8, sono oggi presenti per i pendolari quattro convogli: alle 6.55, alle 7.21, alle 7.42 e alle 8 in punto. A servirsene sono circa 300 tra pendolari lavoratori e studenti. Applicando il nuovo però, anziché quattro corse, a Spinea fermeranno solo tre treni nella stessa fascia oraria, la più frequentata. Chi parte dopo le ore 7 avrà a disposizione solo due corse: quella delle 7.39 e quella delle 7.58.

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui