Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO – Crisafi: «Zaia parla bene e razzola male»

Il futuro dell’ospedale di Dolo pare ormai segnato. Con l’approvazione delle schede ospedaliere, senza aver accolto alcuna delle richieste della commissione dolese sull’ospedale, i margini di salvaguardare la struttura sanitaria locale sono ormai ridottissimi, per non dire nulli.

Ma il presidente della commissione, Vincenzo Crisafi, non ci sta ed attacca la Regione. «Zaia – afferma – parla bene e razzola male. Da una parte afferma che bisogna smetterla con gli ospedali a grandi vetrate e che invece bisogna puntare sull’efficienza delle strutture e sulla preparazione degli operatori; dall’altra depotenzia l’intera area sud del Brenta riducendo l’ospedale di Dolo a piccolo presidio a vocazione essenzialmente geriatrica».

Rilanciando: «Il risultato fra qualche anno sarà che i pazienti dovranno rivolgersi proprio in quegli ospedali da grandi vetrate con poca efficienza e poca sostanza. A nulla sono valse le richieste traversali di tutte le forze politiche dolesi, eccezion fatta per i leghisti maroniani. Sembrerebbe dall’approvazione definitiva delle schede che Mirano l’abbia spuntata, ma temo che fra qualche anno cambierà la storia anche dell’ospedale di Mirano».

E boccia pure il trasferimento degli uffici amministrativi: «Intanto tutti gli amministrativi sbaraccheranno da Dolo per andare a Noale, pare che ci sarà un grande risparmio si, ma sempre a scapito dei lavoratori che dalla loro busta paga si vedranno sottratti circa duecento euro al mese di benzina e di consumo macchina».

Concludendo: «Credo sia necessario che vengano studiate schede e Piano per poterle contestare con eventuali opportuni ricorsi».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui